Fuga a piedi dall’Ucraina, papà Marco con il sorriso incoraggia i suoi bimbi: “È tutto un gioco”

Esteri

Come nel film “la vita è bella” di Roberto Benigni, un padre affronta un momento tragico senza mai perdere il sorriso davanti ai suoi figli. La famiglia italo-ucraina dopo un lungo viaggio è riuscita a mettersi in salvo a Cracovia. Come spiegare a dei bambini che bisogna lasciare la propria casa per sfuggire alle bombe degli invasori, affrontare il freddo gelido e mettersi in cammino per varcare il confine al riparo dalla guerra? Sembrerebbe impossibile ma papà Marco ci è riuscito, come Roberto Benigni nel suo film capolavoro “La vita è bella” 

Senza mai perdere il sorriso e trasformando un momento drammatico in un gioco per i suoi piccoli, ha raccontato il loro esodo dall’Ucraina passo dopo passo su Facebook. Marco Gallipoli è un fotografo italiano che si è stabilito a Leopoli, dove ha trovato l’amore e costruito la sua famiglia. Mai avrebbe pensato di diventare un profugo, tra le migliaia di persone costrette a lasciare l’Ucraina a causa della guerra. Ma decide di partire per mettere in salvo i suoi bimbi, Aurora e Flavio, di 7 e 9 anni.  La loro mamma è rimasta nella sua città di origine. “Viene da una famiglia che ha già combattuto per impedire l’invasione sovietica e stavolta di certo non poteva tradire l’insegnamento che le ha lasciato la nonna, alla quale è anche dedicata la via nella quale abitiamo. Non poteva lasciare la sua gente, farà la volontaria, pronta ad aiutare i profughi che arriveranno già nei prossimi giorni. Anche io conto di tornare: porto i bimbi in Italia, poi andremo negli Stati Uniti e alla fine tornerò a Leopoli”, spiega Marco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.