La Kultura dei Leoncavallini non sopporta la demolizione dei graffiti artistici su un rudere

Milano

La Kultura antagonista e l’estetica professata non ammettono che il muro di un edificio diroccato e scarabocchiato con le bombolette a casaccio, venga demolito. Evidentemente quel muro esprimeva un’arte comprensibile solo ai privilegiati antagonisti che da trent’anni occupano e abitano illecitamente nel centro sociale Leoncavallo. E vantano non solo il diritto acquisito di presenza, ma anche il diritto di un paesaggio decadente (un rudere) graffittato ad hoc. Rivendicano il loro senso estetico negato e distrutto dalla demolizione in un post “Anni e anni (dal 1994) di colori e una sola mattina per tirarli giù”, si lamentano.

“I graffiti che dal 1994 colorano l’intero isolato tra via Watteau, via Lucini e via De Marchi, stanno venendo rasi al suolo per dare spazio all’ennesimo edificio residenziale nella zona, in nome del miraggio di una Milano verticale e di conseguenza ‘superiore’ alle necessità delle sue comunità” Perché “Per costruire, si abbatte. Questo è il risultato della cecità di una città che inneggia al continuo sviluppo economico ed estetico, ad uno sfrenato consumo, con cui maschera i reali bisogni del territorio. Milano nel suo sviluppo da città “cosmopolita” distrugge e dimentica la sua storia, la resetta per iniziare altre narrazioni costruite sul marketing: le vittime non sono solo i muri ma anche chi crede entusiasta alle sue promesse, ai consumatori d’immagini”.

Ridiamo? Ma parrebbe veramente che il Leoncavallo sia “la storia” che vada conservato perché rappresenta un bisogno della gente e, per quelle critiche di una città che guarda al business rimandiamo la sottolineatura a Sala. Ma non è questo il caso: se un imprenditore costruirà un edificio con appartamenti regolari, dando lavoro e pagando le tasse regolari, riqualificherà la zona. Il problema sotteso riguarda il Leoncavallo che deve essere sgomberato, ma poi non succede, vista la protezione conveniente di Sala e prima ancora di Pisapia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.