Nuovo Stadio, Bernardo: no abbattimento, pericolo danno ambientale, ma sì a proposta Inter-Milan

Milano

“La risposta è semplice per noi: l’idea di Inter e Milan di fare il nuovo stadio deve essere accolta. Ma attenzione: io non sono per l’abbattimento del Meazza perché quello stadio è degli anni Trenta e non sappiamo cosa c’è dentro il cemento. All’interno di quel cemento potrebbero esserci polveri che potrebbe creare danno ambientale”. Lo ha detto il candidato sindaco del centrodestra, Luca Bernardo, a margine di un evento dai Salesiani in via Melchiorre Gioia, sposando l’idea di un doppio stadio a Milano dedicato al calcio.

“L’importante – ha detto – è riqualificare la zona, ciò che si recupererà dal nuovo stadio aiuterà l’urbanizzazione. Dobbiamo da una parte, come dicono Milan e Inter, costruire il nuovo stadio e dall’altra non abbattere il Meazza e non sottovalutare l’impatto ambientale del vecchio stadio che deve diventare qualcosa in grado di rendere la città attrattiva”.

 

1 thought on “Nuovo Stadio, Bernardo: no abbattimento, pericolo danno ambientale, ma sì a proposta Inter-Milan

  1. Bene !!! Lo stadio non si tocca per i motivi elencati da LUCA BERNARDO!!!!! Benissimo dico io….Lo stadio è un simbolo che Milano non può perdere……..In mano a persone qualificate per la sua riconversione lo stadio di SAN SIRO può divenire un centro di attrazione per tutto l’anno……Ho più volte ribadito questo concetto….Non si può distruggere un’opera che ha già subito restauri che lo hanno portato ad avere l’aspetto attuale.. Oggi è una immagine che fa ricordare MILANO E L’ITALIA….
    MURI GIUSEPPE CANDIDATO AL MUNICIPIO 6… .IL 3 E IL 4 OTTOBRE BARRARE IL SEGNO FORZA ITALIA PER LUCA BERNARDO SINDACO. BARRARE IL SIMBOLO FORZAITALIA SCRIVERE MURI GIUSEPPE PER IL MUNICIPIO 6…..SONO AL NUMERO 13 DELLA LISTA CANDIDATI DI FORZA ITALIA…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.