Giovane violentata accanto al San Raffaele, Bernardo: “Vicinanza alla ragazza e ai suoi cari. Non rassegnamoci alla violenza”

Milano

La Squadra mobile di Milano ha fermato un uomo accusato di aver violentato la mattina del 9 agosto una dipendente dell’ospedale San Raffaele, che si stava recando a lavorare. La violenza ai danni della 25enne è avvenuta alle 6 del mattino in strada, nei pressi della zona di Cascina Gobba, non lontano dal nosocomio. L’uomo ha afferrato la giovane alle spalle e l’ha trascinata in uno scavo utilizzato come incrocio per le tubature, dove l’ha violentata.  

A incastrare lo stupratore, un egiziano di 31 anni sbarcato a Lampedusa all’inizio di luglio e senza permesso di soggiorno, anche le immagini raccolte dalle telecamere e i dati incrociati del Dna. 

“Un abbraccio alla povera ragazza violentata e grande vicinanza a tutti i suoi cari. Simili aggressioni, atroci e vigliacche, meritano il massimo della pena. Il mio grazie, come ogni giorno, va alle forze dell’ordine, anche stavolta pronte a fermare il sospettato. Non è più accettabile che camminare per strada a certe ore o in certe zone, soprattutto per le donne, per giovani e anziane, sia un pericolo. Sono fatti e notizie che feriscono e che non possono passare sotto traccia. Non possiamo rassegnarci a tale mancanza di umanità” così Luca Bernardo, candidato sindaco del centrodestra alle prossime comunali della città di Milano.

1 thought on “Giovane violentata accanto al San Raffaele, Bernardo: “Vicinanza alla ragazza e ai suoi cari. Non rassegnamoci alla violenza”

  1. Ci siamo talmente abituati alle gesta delinquenziali degli””” OSPITI CHE DEVONO PAGARCI LA PENSIONE””” che risultiamo impreparati ad affrontarle….
    CON LUCA BERNARDO SINDACO e con il mio aiuto in Municipio 6 Milano deve tornare la citta del futuro….
    Muri Giuseppe candidsto consigliere municipio 6 Milano……. Votate FORZA ITALIA, votate LUCA BERNARDO e Muri Giuseppe….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.