Metrò zona Boccaccio, proteste e petizione residenti. De Pasquale “Le proteste sono più che legittime”

Fabrizio c'è Milano

Una situazione insostenibile, un disinteresse colpevole, un assurdo menefreghismo di Sala, Maran e Granelli. E i problemi irrisolti si ripetono. Così in una nota Fabrizio De Pasquale, capogruppo di Forza Italia a Palazzo Marino e presidente della Commissione Verifica e Controllo Enti Partecipati chiarisce le ragioni delle proteste dei cittadini in zona Boccaccio

“Le proteste e le azioni di vari comitati che denunciano vibrazioni e rumori lungo le tratte di M1 e M2 sono pienamente fondate e condivisibili. Gli impegni assunti nel 2019 da Atm nei confronti dei residenti negli immobili soggetti a vibrazioni sono stati purtroppo disattesi. Forse solo nel 2023 ATM realizzerà quegli interventi nelle gallerie e sull’armamento in grado di eliminare il pericoloso e molesto fenomeno delle vibrazioni. Per questi motivi i dirigenti di ATM saranno convocati in commissione Partecipate l’11 maggio a rispondere ai diversi comitati”.

Infatti, riporta mianews “Troppo rumore e vibrazioni: servono interventi immediati di manutenzione sulla linea 1 della Metropolitana Milanese, nel tratto critico tra le stazioni Cadorna e Conciliazione, e sui mezzi in transito”. Lo chiedono i quasi quattrocento firmatari in rappresentanza delle famiglie e dei lavoratori di via Boccaccio che oggi hanno presentato al sindaco Giuseppe Sala, all’assessore alla Mobilità Marco Granelli, ai presidenti di ATM spa Gioia Ghezzi e di MM spa Simone Dragone, una petizione urgente accompagnata da un esposto. “Da mesi in via Boccaccio, interamente percorsa dalla linea 1 della metropolitana a pochi metri sotto il suolo, lamentiamo una situazione ormai insostenibile. – dichiara Marco Barbuti, tra i promotori dell’esposto che hanno incontrato la stampa in piazza Giovine Italia – Ci sono continue e sempre più forti vibrazioni, rumore, disturbo prolungato alle persone e danni architettonici agli edifici che riportano ormai crepe e perdite di materiale in moltissimi appartamenti e nelle parti comuni degli stabili. Molti cittadini nei mesi scorsi hanno scritto al Comune e all’ATM denunciando i crescenti disagi sollecitando interventi urgenti, ma hanno ricevuto solo risposte automatiche e di circostanza. In un caso la MM ha effettuato la misurazione delle vibrazioni, in un appartamento residenziale, ma non ne abbiamo saputo più niente. Solo in seguito abbiamo scoperto che i risultati indicano vibrazioni continuative oltre i limiti delle norme, sia i limiti stabiliti per il disturbo delle persone sia quelli per i danni agli edifici. Purtroppo, né il Comune che ha commissionato la rilevazione, né la MM o la ATM hanno mai avvertito i residenti, né hanno provato a fare altre rilevazioni, tanto meno hanno preso in carico la risoluzione del problema. Ora lo sconcerto e la preoccupazione ci hanno indotto a questa azione collettiva. Chiediamo che siano messi in opera immediatamente quegli interventi di manutenzione sull’infrastruttura, la sostituzione delle traversine, l’installazione di sottopiastre, la molatura e fresatura dei binari e la tornitura delle ruote dei treni, che già nel luglio del 2019 erano stati individuati come necessari. Chiediamo anche che il Comune, l’ATM e la MM rivedano i loro processi, garantendo l’esecuzione di un piano continuativo di manutenzioni periodiche e istituendo un programma di controlli sulle linee e sugli edifici lungo il percorso della metropolitana, da affidare ad un ente terzo e imparziale. Inoltre chiediamo, come è nostro diritto, di essere informati e di ottenere risposta nel merito delle segnalazioni dei cittadini”, conclude Barbuti.” Sala risolverà le criticità postando sui social una foto attrattiva del metrò?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.