Orietta Colacicco: ristoratori e bar M4 penalizzati il doppio da cantieri e covid – Trovare spazi per i tavolini!

Milano

Ieri 26 Aprile riapertura, ma se la discriminazione è grande per la metà dei ristoratori di Milano, per gli esercizi nascosti dalle cesate di M4 è doppia, addirittura tripla. Oggi in Foppa e San Vittore sono spuntati i cartelli. Lo spazio per i tavolini non c’è e se originariamente c’era, è stato portato via dai cantieri.

E’ il caso del Ristorante Pizzeria S. Ambrogio di Via Foppa, sino al 2016 dotato di un dehor per settanta coperti. Quell’anno si montano le cesate e il dehor sparisce. Causa Covid, l’anno scorso si punta sui tavolini all’aperto, ma qui Il marciapiede da largo è stato ridotto a ottanta centimetri. Che si può fare? Perché non utilizzare parte degli spazi del cantiere del manufatto 8 destinato ai sottoservizi e nel 2020 chiuso e fermo? Scrivo al  presidente di M4 Fabio Terragni, che accorda un sopralluogo con i tecnici. Ma il parere è sfavorevole, il cantiere sarebbe stato utilizzato, dicono,  per il deposito di parti delle talpe in arrivo a luglio. E invece no, arrivano in ritardo a settembre e quel che è peggio il cantiere del manufatto 8 non viene usato. Beffa doppia e tripla. Con il Comitato Foppa Dezza Solari avevamo proposto un’altra soluzione, vale a dire occupare parte dello stradello antistante la Pizzeria.  Non passa quasi mai nessuno, serve come accesso ai residenti di un solo condominio. Fatto e inviato  il progetto, di nuovo torna un esito negativo, perché via Foppa pare abbia un traffico sostenuto. Ma quando mai? Via Foppa è tutta un cantiere, chi può la evita per non trovarsi poi imprigionato. Rayed Ashraf il propietario  è mite, sopporta, si adatta e va avanti per un anno,  ma oggi si vede schiacciato, per lui non ci sono opportunità, i clienti andranno da chi ha spazio all’aperto. E’ vero, si instaurerà un’odiosa concorrenza sleale fra poveri ricchi che hanno quattro  sedie e un tavolino e poveri poveri, fuori dai giochi.

La stessa cosa si verifica in San Vittore, e lì, sin dallo scorso anno, chiamata da Alessio Fusco del ristorante Bebel ho suggerito di chiedere, anche se un po’ lontani, spazi in Piazza Sant’Ambrogio o davanti alla Basilica di San Vittore, oppure e anche qui parte degli spazi dei cantieri. Non è successo niente.  La scorsa settimana ho scritto a M4  e al Comune, e come me Comitati e Associazioni, inviando  richieste per rivedere le passate proposte o trovare nuove soluzioni, o ancora per aprire un nuovo bando per sostegni, come ha fatto l’Asselor, perché  in Lorenteggio lo spazio è veramente difficile  da trovare. L’Assessore Granelli ha risposto con una linea di cauta apertura. Il Municipio 7 si sta interessando. Si attendono risposte a breve.

Non molleremo. Il Covid c’è e la metropolitana 4 finirà nel 2024, in ritardo di due anni almeno, i ristoratori vogliono lavorare, i cittadini vogliono tornare a vivere, in sicurezza.

1 thought on “Orietta Colacicco: ristoratori e bar M4 penalizzati il doppio da cantieri e covid – Trovare spazi per i tavolini!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.