Sala in ritardo sul Salone. Per farlo a Settembre serve impegno delle istituzioni

Fabrizio c'è Milano

Il Salone del Mobile è stato determinante per affermare il nome di Milano nel mondo negli ultimi 30 anni. E’ però una manifestazione fatta con  soldi e organizzazione delle imprese espositrici.

Quindi sono comprensibili le preoccupazioni di quelle imprese che pensano sia meglio andare direttamente alla edizione di Aprile 2022 e non investire in una edizione incerta dal punto di vista dei visitatori e contatti, soprattutto stranieri.

Quindi, se non si vuol perdere questa occasione di rilancio della città, Sala doveva muoversi un po’ prima, supportando il Salone con sostegni  concreti, sia sotto il profilo dei protocolli sanitari che dei costi organizzativi. Ad esempio il Comune può favorire l’evento diminuendo il CUP (ex Cosap) per l’evento e intervenendo sul Governo perché aiuti Fiera nel mantenere in vita un evento di interesse industriale strategico per l’Italia. È ancora possibile programmare a Settembre un Salone diverso e più light, più orientato alla sola Europa, ma le istituzioni, a cominciare dal Comune, devono anche loro supportare un evento che aiuta Milano a rinascere. Non fare solo appelli a spendere i soldi degli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.