Il Cinemino venerdì 18 settembre ore 21.30 serata dedicata a JIMI HENDRIX

Cultura e spettacolo

 Il Cinemino aderisce alla Milano Movie Week con una serata dedicata a Jimi Hendrix a 50 anni dalla scomparsa del grande chitarrista 

Appuntamento venerdì 18 settembre, ore 21.30

Jimi: All is by my side per la regia di John Ridley

La proiezione sarà introdotta da Enzo Gentile

autore del libro “The Story of Life – Gli ultimi giorni di Jimi Hendrix”

In occasione del 50esimo anniversario dalla morte di Jimi Hendrix, il Cinemino organizza nell’ambito della MovieWeek una serata in onore del grande chitarrista.

Venerdì 18 settembre ore 21.30: presentazione del libro di Enzo Gentile e Roberto Crema “The Story of Life – Gli ultimi giorni di Jimi Hendrix” (Baldini e Castoldi) a seguire proiezione del documentario “JIMI: ALL IS BY MY SIDE” di John Ridley.

IL FILM:

JIMI: ALL IS BY MY SIDE

di John Ridley (distribuito da I Wonder Pictures)

Jimi, e non serve un cognome: arriva la musica. Lo stile inconfondibile che cambiò il destino del rock. Il regista John Ridley riporta in vita l’icona mondiale che trasformò una chitarra nel simbolo di una generazione, tanto forte da spezzare ogni catena. Per dipingere un mito, Ridley decide di raccontare il talento di Jimi e il cammino che lo rese tale, soffermandosi su un anno cruciale: dall’incontro nel 1966 con la sua amica e mentore Linda Keith fino al giorno prima dell’indimenticabile esibizione di Monterey nel 1967, dove il musicista di Seattle, dando fuoco alla sua chitarra, entrò nella leggenda. Da allora in poi il rock non sarebbe più stato lo stesso. Dal regista premio Oscar® per la sceneggiatura di 12 anni schiavo, un film che vede il musicista André 3000 (nome d’arte di André Benjamin) nel ruolo che nessuno finora aveva osato interpretare.

IL LIBRO:

THE STORY OF LIFE. GLI ULTIMI GIORNI DI JIMI HENDRIX

di Roberto Crema, Enzo Gentile (Baldini & Castoldi)

“Jimi era stato vestito di broccato di seta verde e aveva l’aria tranquilla e pacifica, quasi come se stesse dormendo o semplicemente pensando con gli occhi chiusi al suo prossimo progetto musicale. È così che mi piace immaginarlo a distanza di cinquant’anni.” Dalla prefazione di Leon Hendrix. Il 18 settembre 1970 lasciava questa terra uno dei più grandi rappresentanti della musica del Novecento. Un evento, la morte di Jimi Hendrix, a Londra, che sarà a lungo esibito e strumentalizzato, oggetto di false informazioni, ipotesi fantasiose e versioni distorte. Ancora oggi qualcosa affiora, di tanto in tanto, nelle cronache e nei libri di storia, come l’overdose per droga spacciata quale causa del decesso. In questo libro si ricostruiscono, minuziosamente, gli spostamenti, gli incontri, i viaggi, le esibizioni, la quotidianità privata e quella professionale di un artista magistrale, il massimo innovatore nel campo della chitarra rock. Per capire e sondare la parabola di Jimi Hendrix nell’ultimo mese di vita ci siamo affidati alle fonti più attendibili: documenti, riviste, giornali dell’epoca, selezionando le interviste più interessanti rilasciate in quei giorni e ascoltando le persone che ne avevano condiviso il palco, le trasferte ma anche il tempo libero. Ne esce un ritratto sorprendente, con i dubbi e le aspirazioni, i progetti e i ripensamenti, le gioie e la stanchezza di un musicista che il tempo non ha logorato, di cui restituire l’opera, oggi, a mezzo secolo di distanza, ancora attualissima, amata, studiata, imitata. Oltre alle voci di chi lo aveva frequentato, il libro – impreziosito da un ricco inserto fotografico di 40 pagine, con alcuni inediti – comprende un ampio resoconto sulla battaglia legale per l’eredità, per chiudersi con una serie di contributi e testimonianze di personaggi che hanno da raccontare, in esclusiva, il loro punto di vista “hendrixiano”: George Benson, Eric Burdon, Pat Metheny, Franco Mussida, Beppe Severgnini, Fabio Treves, Carlo Verdone. 

PROSSIMAMENTE

Venerdì 25 settembre ore 21.30

NEVIA un film di Nunzia De Stefano

La proiezione è introdotta dalla regista Nunzia De Stefano e dall’attrice Virginia Apicella

Il Cinemino è un cineclub e l’ingresso in sala è riservato ai soci. Si ricorda che NON è possibile fare la tessera al momento: si consiglia di richiederla almeno il giorno precedente, compilando il modulo sul sito www.ilcinemino.it.

Per accedere alla prima proiezione i nuovi soci 2020 devono compilare il form (www.ilcinemino.it/tessere-2/) e attendere un giorno per l’approvazione.

I soci 2019 e 2018 possono rinnovare la tessera direttamente in biglietteria senza compilare nuovamente il modulo e senza dover attendere 24 ore.

I soci 2018 possono rinnovare tessera dopo aver compilato il form (www.ilcinemino.it/tessere-2/), senza dover attendere 24 ore.

La tessera costa 5 € (gratuita per i minori), è nominale e non cedibile, ed è valida fino al 31 dicembre 2020.

Il biglietto costa 7,50 euro (intero), 5 euro (ridotto) ed è pre-acquistabile on line a link www.ilcinemino.it/ticket-on-line/ con un sovrapprezzo di 0.50 €.

IN RISPETTO DELLE REGOLE DI DISTANZIAMENTO IMPOSTE PER L’EMERGENZA LEGATA AL CONTENIMENTO DEL COVID, I POSTI IN SALA SONO LIMITATI. SI CONSIGLIA DI PRENOTARE ON LINE. I POSTI ASSEGNATI RISPETTANO LA DISTANZA DI 1 METRO TRA OGNI SPETTATORE.

Cineclub Il Cinemino

Via Seneca 6 – Milano Tel. 02 35948722

L’accesso in sala è consentito solo ai soci tesserati | Tessera 5€

Biglietto unico: 7,5€ (Ridotto 5€)

Info e orari: www.ilcinemino.it

Come arrivare

MM3 Porta Romana

Tram 9 Viale Montenero – Via Pier Lombardo

Bus 62 Piazzale Libia

Mappa: https://goo.gl/maps/v1tqsotkcKp

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.