Granelli vuole a tutti costi la ciclabile in Viale Monza: saltano 1000 parcheggi e la 56 trasloca in Via Costa

Fabrizio c'è Milano

Nessuna opera pubblica  del Comune di Milano rispetta i tempi. Il ritmo dei nuovi lavori per le ciclabili invece non conosce sosta. Dopo i demenziali interventi di Corso di Porta Nuova e Via Galvani, lunedì si comincia con Viale Monza.

Qui il progetto iniziale è naufragato perché il Ministero delle Infrastrutture, retto peraltro dal PD, ha detto che sarebbe troppo pericoloso realizzare una ciclabile a centro strada. Vistosi negare la deroga alle norme del Codice della Strada, Granelli non ha cambiato idea sulla ciclabile, come avrebbe fatto ogni buon amministratore, ma ha pensato bene di rivoluzionare la circolazione, la sosta e persino il trasporto pubblico. In pratica per tutelare quel 6% che usa le bici, Granelli vuole penalizzare le abitudini di quel 48% che usa mezzi pubblici e il 46% che usa auto e moto. Infatti il progetto di ciclabile prevede, per recuperare i 1000 posti auto persi in Viale Monza (con parcheggi che passano da lisca di pesce a lineari) di recuperare un centinaio di posti nella parte iniziale di Via Padova. Granelli pensa di spostare la preferenziale per la 56 di Via Padova in Via Costa. Questo intervento, certamente non suggerito da Atm, darà la mazzata finale al traffico congestionato di Via Costa e via Leoncavallo, ma sopratutto danneggerà in termini di tempo anche gli utenti Atm.

Geniale!

Va da sé che Granelli non ha ascoltato le osservazioni delle opposizioni e del Municipio 2, che lamentano la distruzione di un migliaio di soste auto e la pericolosità per i ciclisti di una ” line” accanto alle auto parcheggiate che possono aprire la portiera ogni secondo.

Manco passa per la testa all’Assessore alla mobilità che lui deve coordinare la mobilità di tutti i mezzi, e più efficace sarebbe stato mantenere la 56 e la sosta dove sono disegnando un percorso ciclabile lungo vie laterali, Martesana e parchi. Attendiamo di vedere il disastro a metà settembre con scuole e  uffici riaperti.

2 thoughts on “Granelli vuole a tutti costi la ciclabile in Viale Monza: saltano 1000 parcheggi e la 56 trasloca in Via Costa

  1. 1) che significa il titolo “vuole a tutti i costi”? Hanno deciso di farla e la fanno…
    2) perché scrivete che si perdono tanti posti a lisca di pesce? La maggior parte in viale Monza sono posti in linea dove la gente parcheggia abusivamente a lisca, furgoni compresi, anche sui posti “gialli” carico e scarico.(restringendo anche la carreggiata)
    3) il.giornalismo si fa riportando notizie e descrivendo le situazioni come sono

    1. Questi sono politici che vivono nel loro mondo ideale, la realtà purtroppo non è così.
      Sono convinto che sia giusto dare una svolta “green” a Milano ma non è assolutamente questo il modo di farlo, piuttosto bisogna incentivare i veicoli ibridi e bandire man mano diesel e benzina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.