Sala non vede le difficoltà dei cittadini, degli indigenti, ma sta con “gli invisibili” clandestini

Milano

Chi sono gli invisibili è un concetto che può essere modulato in molti modi, identificando il soggetto e le sue opinioni, quando disserta sull’argomento. Senza divagare troppo, da notare ed evidenziare con la penna blu l’interpretazione di Sala che va a Roma per presentare l’attivista e sindacalista italo-ivoriano AboubakarSoumahoro alla ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese. Lo ha scritto lo stesso primo cittadino su Facebook. “Aboubakar si batte per i cosiddetti ‘invisibili’ e io sono con lui, per quanto posso. L’emergenza sanitaria riguarda anche loro e bisogna agire con tempestività. Pensatela come volete, ma qui si parla di uomini e donne spesso abbandonati a se stessi” ha aggiunto. Inutile sottolineare che la visita è contestuale al disastro avvenuto in città. Un implicito applauso alla politica dell’accoglienza che destabilizza l’Italia. Un manifesto disinteresse per gli “invisibili” che vivono sotto i ponti. Un voluto abbandono di chi è in difficoltà.

A Milano essere clandestini è quasi una medaglia, riconosciuta dall’amministrazione, le fasce deboli sono volutamente rese invisibili da chi non vuol guardare. Così andando le cose, non possiamo chiedere una partecipazione umana e costruttiva al Sindaco. Eppure i siti di tutti i comitati dei quartieri interessati all’alluvione, riportano scenari apocalittici, grande amarezza. Incuriosisce, ma non troppo, quella del Municipio 9 segnalazioni https://www.facebook.com/groups/1276130549076017/ di un lettore che scrive “Questi sono gli scarichi a valle della COSTRUENDA VASCA DI LAMINAZIONE, nessuna goccia di questo diluvio sarà accolta dalla vasca. Tutta dedicata a chi crede alle parole dei fautori della cementificazione assurda del Parco Nord! Vi stanno prendendo per il culo perché non siete mai venuti a vedere di persona di cosa si sta parlando? Già si sta parlando di 170 MILIONI DI EURO DEI CITTADINI”.

Giudicate voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.