La moglie di un autista Atm scrive “Non aspettate che succeda qualcosa di grave”

Milano

10/7/2020: Autista aggredito, gli rubano il tram

17/6/20 Follia sulla 91: uomo svuota l’estintore in faccia all’autista, poi aggredisce i vigilantes ATM

16/4/20 Nell’autobus semi deserto per il coronavirus, ubriaco aggredisce l’autista.

9/1/2020 Aggressione a un autista di un tram dell’Atm a Milano.

Ormai siamo abituati a leggere questi titoli! Nel 2020 andare a lavorare e tornare a casa sani e salvi è un lusso di pochi!
Leggi i giornali e pensi: mi è andata bene stavolta! Certo perché stai andando a lavorare e devi sperare che ti vada bene!! Ecco l’assurdità!!
Oggi però – 15 luglio – è successo a me, a mio marito. Quanti altri titoli così dobbiamo leggere prima che qualcuno faccia qualcosa? E davvero così difficile lavorare in sicurezza?
Questa volta è andata bene…ma la prossima?
E’ mai possibile che una persona debba lavorare e avere l’ansia solo perché, nel 2020, non siamo ancora riusciti ad adeguare le vetture e metterle in sicurezza?
Vi chiedo, a nome mio e a nome di tutti quelli che la mattina si svegliano e vanno a fare il proprio dovere: facciamo qualcosa!! chiudiamo le cabine di queste vetture, facciamo più controlli!!
Non lasciamo che si continuino a scrivere questi titoli!
Soprattutto evitiamo che succeda qualcosa di grave. Perché questa volta mi ha chiamato lui dicendomi: mi hanno aggredito ma sto bene! Ma la prossima volta potrebbe non avere la stessa “fortuna” e ritornare a casa dalla sua famiglia.

 

La moglie di un autista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.