Scandalo Atm: chiediamo le dimissioni dell’Assessore Granelli

Fabrizio c'è Milano
La gravità della vicenda Atm non si esaurisce solo nelle responsabilità penali che saranno accertate dalla magistratura.
Bisogna rendersi conto di quali pericoli e quali rischi hanno corso milioni di passeggeri della metropolitana milanese. Per anni hanno subito le conseguenze di sistemi di segnalamento e frenaggio aggiudicati e manutenuti da funzionari infedeli e da aziende fornitrici che perseguivano non la sicurezza e l’efficienza ma i loro traffici.
Ora non è accettabile che dal Sindaco in giù si voglia  scaricare  tutto sui funzionari Atm.
C’è una responsabilità politica di chi non ha saputo controllatre Atm, di chi non ha preteso la rotazione dei dirigenti della manutenzione rete Atm, di chi non ha preteso da grandi aziende vincitrici di commesse miliardarie del Comune la massima correttezza e la immediata soluzione dei problemi “frenate” e “vibrazioni”. Questi problemi che hanno determinato incidenti, disagi, sembravano irrisolvibili, perché celavano vizi di aggiudicazione e di manutenzione notevoli. Ci rendiamo conto cosa significa che le aziende fornitrici del segnalamento subappaltavano dei lavori ad imprese di fatto gestite da chi doveva controllarle?
 Chi minimizzava frenate e incidenti, senza approfondire, prendendo per buona ogni versione di  Atm, non può stare ancora lì.
L’ incapacità di esigere controlli e tutela dei passeggeri ha un responsabile: l’Assessore competente, Marco Granelli, deve dimettersi.

3 thoughts on “Scandalo Atm: chiediamo le dimissioni dell’Assessore Granelli

  1. Sarebbe il caso, visto il personaggio ignobile, di fare un bel check sui milioni sperperati da Granelli in ciclabili e restringimenti stradali. Il dubbio ci fossero degli interessi non propriamente “sociali” in quei lavori costosissimi, siamo in molti ad averlo avuto.

  2. Forse l’assessore Granelli ha elevate competenze nella gestione di Onlus, ma Milano è una città che ha bisogno di funzionare. Non si possono improvvisate piste ciclabili, ridurre le corsie delle auto senza pensare ad aumento cose, traffico ed inquinamento a causa di queste strabilianti idee. Per dolmen te suggerirei all’assessore Granelli di andare in giro sotto la pioggia con 30 kg di borse per un paio di giorni e poi pensarci. Le diverse giunte non sono state in grado di realizzare adeguati parcheggi per le metropolitane, abbiamo strade piene di buche e pensano alle ciclabili, con i cittadini di Milano che invecchiano. Ci costringono ad utilizzare mezzi pubblici al di là della loro capienza e con rischi per gli utenti, ma questo va bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.