Sono bambini, giocano e s’aggrappano ai genitori nelle lunghe file per un pacco alimentare

Milano Società

Sono bambini, giocano, la spensieratezza negli occhi, gesti complici e quella innata semplicità di un’anima pura. Sono i bambini che si aggrappano ai genitori nelle attese forzate per ricevere il pacco alimentare o per essere ammessi in una mensa di carità. Non sanno o non hanno capito che i contributi del governo non sono arrivati, che la precarietà del momento è grave, quasi che quella mano tesa e solidale fosse una novità, un nuovo gioco. Sono bambini che non sanno o non vogliono leggere l’ansia e la preoccupazione dei “grandi”. Il buon cuore della carità non manca. Ridono nell’affondare le mani in un pacco con pasta, biscotti e poco altro. Cresceranno e si volteranno indietro, scopriranno che cosa è la rinuncia nella sua orribile presenza, paragoneranno l’affanno di una vita a chi può tutto, o quasi. Non sanno che perdere il lavoro è perdere la dignità, che la disponibilità a faticare ormai conta ben poco, che l’amore di chi nei piani alti può programmare, incentivare è assente. La povertà non è un gioco. Lascia ferite incurabili, rabbia di impotenza. Noi vogliamo negli occhi dei bambini il colore del futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.