Sa la politica a quanta carità e speranza ha rinunciato?

Economia e Politica

Gentile direttore,

è un fatto di carità che manca, invocata, pianta. E’ un fatto di solitudine nel groviglio della disperazione e nel dolore. E se le parole hanno un senso, se la preghiera può generare un contatto con la speranza, riaprite le porte alle anime, alla comunità che insieme si rafforza, ad una fede che forse è ancora una ricerca di Dio. Nessun discorso politico o storico. Non occorre riguardare il tempo e verificare l’assoluta indipendenza della Chiesa nei momenti terribili di una calamità, ma chiedere a se stessi quante volte un uomo di Dio ha illuminato un giorno, con la mano tesa per rialzare chi soffre, per saziare la fame del tormento. La Chiesa non è solo un luogo, è la culla dei pensieri, il mistico silenzio di una lacrima. E i riti un ripercorrere valori, comportamenti, esempi. Insieme, quasi fosse un abbraccio che sa consolare, ognuno con le proprie pene, ognuno con i propri segreti.

Sono morti 100 sacerdoti di coronavirus in Italia e sono martiri generosi e disinteressati. Anche questo è un fatto di carità. Viene spontaneo ricordare il buio della peste a Milano con una guida esemplare di San Carlo Borromeo, la sua fede incrollabile, l’orrore dei morti accatastati, la processione-preghiera collettiva. E la carità verso gli ultimi, i dimenticati. Il Lazzaretto fu il banco operoso dei Capuccini che non cessarono mai di assistere i malati, di portar loro i conforti spirituali e materiali, per cui più di sessanta parroci di Milano caddero vittime del contagio e morirono. Oggi alla Parrocchia si chiede pane, vicinanza, iniezioni di fede Sa la politica a quanta carità, a quante carezze di speranza ha rinunciato? Sicuramente rispettiamo le distanze, gli assembramenti, i pericoli di un contagio, ma l’uomo vuole il nutrimento della comunione per dare un po’ di tregua alla paura.

Una donna qualunque

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.