Emergenza inquinamento: a Milano revocate misure di primo e secondo livello

Milano

Da oggi, martedì 21 gennaio,  le misure temporanee di primo e di secondo livello sono state revocate nei comuni con più di 30.000 abitanti  e in quelli aderenti su base volontaria nella province di Milano, Pavia, Lodi, Cremona e Mantova dove i valori medi di PM10 per 2 giorni consecutivi sono stati al di sotto del limite.

I divieti rimangono invece a Monza e Brianza, dove sono state confermate le misure di primo livello in quanto i valori delle concentrazioni del Pm10 sono stati al di sotto del limite per un giorno soltanto. La revoca verrà rivalutata oggi, nel caso i valori scendessero sotto la soglia, uniti a previsioni favorevoli alla dispersione degli inquinanti.

Le misure di secondo livello erano attive a Milano dal 15 gennaio.

Le misure temporanee di primo livello riguardano il traffico (limitazioni per i veicoli fino a euro 4 diesel in ambito urbano, obbligo spegnimento motori in sosta), il riscaldamento domestico (limitazione all’uso di generatori a biomassa legnosa di classe inferiore alle 2 stelle compresa, riduzione di 1 grado delle temperature nelle abitazioni), l’agricoltura (divieto di spandimento liquami zootecnici) e divieto assoluto di combustioni all’aperto (accensione di fuochi, falò, barbecue, fuochi d’artificio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.