Aggressione Brumotti: solidarietà dal Sap«Il sottocamicia gli ha salvato la vita. Noi lo chiediamo da sempre»

Milano

«Esprimiamo tutta la nostra solidarietà a Vittorio Brumotti, vittima dell’ennesima aggressione mentre tentava di mettere in luce la piaga dello spaccio di droga che colpisce oramai tutte le nostre città».

A dichiararlo è Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), riferendosi al fattaccio di domenica 12 gennaio a Monza, quando Brumotti, insieme un suo collaboratore, è stato accoltellato in pieno petto da alcuni spacciatori mentre stava realizzando un servizio.

«Fortunatamente le conseguenze non sono state gravi e questo – prosegue Paoloni – lo si deve al fatto che Brumotti indossasse il giubbotto antiproiettile sottocamicia, uno strumento che noi chiediamo da sempre e che sarebbe necessario fornire a tutti i colleghi che operano su strada. Se dotati con giusti strumenti – conclude – l’intervento si rivela più sicuro e di conseguenza più efficace».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.