“Degrado Mortale” (con Video)

Milano

Sopralluogo choc in via Malipiero e limitrofe nel Municipio 4 di Milano.
Compie 16 anni quella che doveva essere una struttura residenziale universitaria finanziata nell’anno 2006 dalla Regione Lombardia con un milione e 140mila euro, ed invece… Dall’anno 2006 infatti i residenti convivono forzatamente con un ecomostro /cantiere mai concluso, e con i ruderi e lo stato di completo degrado di tutta la zona che doveva nascere. La panoramica vi mostra uno scheletro di palazzo, cresciuto solo fino al primo piano, composto da tondini ormai arrugginiti che fuoriescono dai pilastri e da staccionate ormai marce e divelte. E come sempre purtroppo gli anni di abbandono si sommano alla mancanza di controllo del territorio, infatti tutt’intorno una vegetazione fitta di erbacce, rifiuti e topi in acquitrini putridi,  bottiglie ed immondizia cingono lo spazio.

Ma la più inquietante delle scoperte la abbiamo nel terreno ” La collinetta ” che fa angolo con via Maderna, lì in un percorso dantesco, a poche decine di metri dai bambini che giocavano con i loro genitori all’interno di un grande cratere troviamo i segni inequivocabili di una massiccia occupazione abusiva. Il terreno scosceso è disseminato di materassi, cibarie, poltrone, vestiti, oltre a pentolame e scarti di cibarie che sono il presupposto di un rogo che bruciando ha annerito anche gli alberi attorno. Pensavamo di aver visto tutto, ma all’ improvviso tra i numerosi cumuli di immondizia spunta una sporta dell’Ikea che emana un odore nauseabondo, la apriamo e rinveniamo i resti di un cane in decomposizione (e con tanto di collare). A seguito di ciò, abbiamo avvisato la Polizia Locale per la rimozione del cadavere che è avvenuta poi tramite la ATS che ringraziamo.

Per concludere questo video una domanda alle autorità preposte: quanto ancora resterà così questo degrado mortale ??? Grazie ai cittadini /e che hanno partecipato attivamente e a quei folli e sognatori di Diamond Frank e Paolo Rusconi per il supporto.

Tullio Trapasso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.