La rivolta per le fermate Atm soppresse costringe Granelli alla retromarcia

Fabrizio c'è Milano
Cittadini infuriati martedì sera al centro Kolbe di Viale Corsica. L’agguerrito comitato spontaneo che in 2 settimane ha raccolto 2500 firme ha chiesto di essere ascoltato dalle istituzioni. Dopo una prima commissione a Palazzo Marino, martedì sera i residenti hanno potuto incontrare de visu  l’Assessore Granelli che ha deciso la soppressione delle fermate.
La commissione mobilità del Municipio 4 si è riunita in via straordinaria presso la sala parrocchiale per consentire ai residenti di discutere della soppressione delle fermate del 27.
Erano presenti 300 persone, arrabbiatissime, per usare un eufemismo. Anziani , donne , disabili hanno raccontato i disagi che la soppressione comporta: distanze raddoppiate, affollamento in salita, difficoltà e tempi moltiplicati per chi fa fatica a camminare, impossibilità di usare l’edicola per acquistare i biglietti etc.etc. il tutto in cambio di un ipotetico aumento della velocità delle corse. Per la verità questo aspetto non è parso interessare a nessuno.
Sono intervenuti contro la soppressione i consiglieri di Municipio Di Matteo, Pozzani e Strano (FI) e gli assessori Schiaffino e Rondini ( Lega )
Sono intervenuti pure i consiglieri municipali PD Cormio e Bigatti a cui però il pubblico inferocito non ha consentito nemmeno di tentare una difesa della soppressione delle fermate.
Alla fine Granelli tra contestazioni e fischi ha detto che valuterà se rivedere il progetto. Un modo elegante per dire che di fronte alle critiche unanimi di cittadini, utenti, municipi e opposizioni ( Forza Italia e Lega) di Palazzo Marino, Granelli si prepara a ripristinare le fermate.

1 thought on “La rivolta per le fermate Atm soppresse costringe Granelli alla retromarcia

  1. e con Via Circo e gli ignobili masselli autobloccanti, sono due retromarce in 10 giorni.
    Che Granelli stia facendo dei danni visibili e massicci con i nostri soldi, è ormai appurato. Ma queste inaspettate retromarce hanno il sapore non di una autocritica del kapó, quanto di un aut aut del Sindaco, che non vuole avere rogne coi consensi a Milano. Ovviamente anche il Kapó sa bene che la sua testa potrebbe essere data in pasto ai cittadini senza problemi, se Sala sentisse troppo odore di bruciato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.