Il Leoncavallo organizza cena per finanziare ONG e i “Partigiani del mare”

Milano

L’illegalità sposa sempre l’illegalità? Il tono enfatico e trionfalistico con cui il Leoncavallo annuncia per questa sera alle 18 un incontro in difesa delle ONG Sea Watch 3, Alex di Mediterranea e Alan Kurdi di Sea Eye, suona come un richiamo alle armi. Verrà anche servita una cena con un piatto unico vegetariano o di carne e un bel bicchiere di vino bianco. Gli abusivi del Centro Sociale serviranno una cena esentasse e senza alcuna autorizzazione a chi è ancora sotto indagine per favoreggiamento all’immigrazione e, dico io, forzata violazione della legge. Ma i Partigiani del mare, incompresi dall’ottusità fascistoide vigente in Italia e nell’Europa (questo il senso del loro proclama) diventano i difensori dei diritti come, evidentemente, i partigiani di terra degli anni 40. L’eco di voler rappresentare come eroi Karola, Casarin ecc. è la nuova frontiera di autoincensamento buonista unidirezionale di una sinistra senza idee se non quella di affidarsi a gesti molto discutibili.

Il cittadino comune che sta a guardare osserva che azioni vietate vengono difese da personaggi che vivono abusivamente in una sede occupata, che la cena a 15 euro serve a finanziare le tanto discusse ong in odore di reato e che l’alleanza rafforza quel senso di onnipotenza che ha pervaso i protagonisti degli avvenimenti.

Che dice Sala? E’ stato invitato?

1 thought on “Il Leoncavallo organizza cena per finanziare ONG e i “Partigiani del mare”

  1. I negozi di qualsiasi tipologia sono sommersi da montagne di documenti da esibire sempre. Perché i centri sociali sono esentati da questo dovere? perché hanno un potere così attrattivo? Cosa li differenzia dal popolo vessato dalla burocrazia? Dove sono i controllori? Dov’è la legge?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.