Vibrazioni e rumori negli edifici sopra M1 ed M2: serve piano di manutenzione

Fabrizio c'è Milano
Nuova seduta di commissione dedicata al problema dei rumori e delle vibrazioni. Da una parte l’assessore Granelli e il Direttore  Generale di ATM Arrigo Giama. Dall’altra comitati di residenti di Via Guido D’Arezzo, Via Carducci, Via Palestrina, Piazza Piola, Precotto.
Atm sta sperimentando interventi su binari, traversine, armamento e anche la riduzione della velocità.  In alcune zone come Via Guido D’Arezzo e Via Palestrina c’è stata una riduzione di vibrazioni e rumori.
Rimane però scandaloso che dopo un anno e mezzo dalle prime segnalazioni il Comune e ATM siano ancora alla fase della diagnosi e delle sperimentazioni. I residentii che segnalavano le anomale vibrazioni hanno incontrato inizialmente un muro di gomma e in qualche caso hanno dovuto ricorrere a vie legali.
Solo dopo l’intervento della commissione  Atm ha ricosciuto il problema.
Ogni giorno emergono fatti e particolari poco rassicuranti: dai binari allagati da acqua di falda della M2 all’incendio sviluppatosi negli scambi di Bande Nere.
Milano ha 96 km di rete metropolitana,  la M1 ha 50 anni. E’ arrivato il momento che il Comune  investa in un grande piano di manutenzione dei binari, armamento e gallerie. Avendo appena deciso di chiedere 51 milioni di Euro in piu ai passeggeri attraverso l’aumento tariffario si può fare, anche perché ne va della sicurezza dei passeggeri, della staticità degli edifici.

1 thought on “Vibrazioni e rumori negli edifici sopra M1 ed M2: serve piano di manutenzione

  1. gli abitanti di cui si parla possono stare tranquilli. devono vivere felici e sopportare co decorosa pazienza sia i rumori che l’aumento della tariffa. non a caso il nostro sindaco ha fatto un investimento sotto forma di cartelloni e lettere pubblicitarie per spiegarci che farsi spennare come polli è una goduria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.