Il Comune che blocca i diesel rinnova 40 caldaie l’anno

Fabrizio c'è Milano

Avevo il forte sospetto che il Comune facesse poco per combattere l’inquinamento da riscaldamento. Ora è certezza.

Ho presentato una interrogazione all’Assessore Granelli per sapere quante caldaie e impianti calore sono stati rinnovati dai privati grazie ai bandi comunali.

La risposta certifica che sul fronte riscaldamento Milano è molto meno incisiva che sul fronte auto. Granelli si vanta spesso di avere stanziato un po’ di soldi per agevolare chi vuole rinnovare l’impianto di riscaldamento, ma i risultati sono ridicoli.

Il primo bando Energia (BE1) aperto dal 2017 a fine  2018 stanziava 1,6 milioni di euro: hanno partecipato 72 condomini e di questi 39 al momento hanno concluso i lavori e inquinano meno. Il secondo bando (BE2 ) aperto a maggio 2018 e utilizzabile fino a fine 2019 ha visto solo 17 richieste nonostante il Comune abbia stanziato più di 20 milioni.

Insomma anche un bambino capirebbe che questi bandi non sono attrattivi, perchè partecipare è troppo complesso o perchè non danno vantaggi fiscali sufficienti. Ma Granelli è tutto tronfio perchè ha stanziato dei fondi e non si rende conto che rinnovare 39 caldaie ogni 2 anni in una città che ha decine di migliaia di impianti è come svuotare il mare con un secchiello.

Naturalmente le cose vanno pure peggio con gli impianti di riscaldamento di case popolari e uffici pubblici dove in 3 anni sono state rinnovati 60 impianti su un patrimonio di migliaia di immobili che hanno caldaie a gasolio molto vecchie.

Dunque 2 pesi e 2 misure fra auto e riscaldamenti. Si applicano le  norme draconiane di Area B che bloccano auto, moto, camion e danneggiano il lavoro e l’economia, mentre ci si disinteressa del riscaldamento, sostituendo gli impianti ad un ritmo che consentirà di risolvere l’emergenza smog nel 3000!

Non meravigliamoci poi se le centraline dimostrano che Area B non fa effetto e occorre sempre aspettare la pioggia.

3 thoughts on “Il Comune che blocca i diesel rinnova 40 caldaie l’anno

  1. Obbligare i privati a dotarsi di mezzi idonei alle esigenze dell’amministrazione significa fare cassa.
    Dotare gli edifici di proprietà del comune, invece, rappresenta un spesa che può e deve essere procrastinata tanto, esso stesso, non si eleva alcuna multa per l’inadempienza.
    Tutti i cittadini sono “uguali davanti alla legge”?

  2. Ho criticato molto volte il Dott.Granelli, in particolare per la Sua visione negativa su certi combustibile e che nn prende in esame verte evoluzioni tecniogiche che modificano il quattro Générale. In questo caso peró nn possiamo dire che nn abbia fatto molto, non è vero che sia così difficile parteciapare al bando. I fornitori di in condominio devono agire per garantire un servizio a fronte di soldi regalati.

  3. Lascio un solo commento su quanto ho letto in questo blog, peraltro ben fatto! Sala, Maran, Granelli e tutti questi parassiti ben pagati devono essere costretti a dimettersi ed interdetti ai pubblici uffici. Inoltre, auspico la confisca dei loro beni personali con i quali risarcire i cittadini da loro danneggiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.