Carlo Nordio “Il governo? Illiberale sull’economia, positivo sui migranti”

Politica

La chiarezza di visione dell’ex  Procuratore Nordio sui temi scottanti della politica di oggi, è l’analisi di un liberale che ha attraversato da protagonista il mondo della giustizia. Riportiamo alcune dichiarazioni significative e illuminanti rilasciate all’Huffington Post

Il suo giudizio sul governo, qual è?

Positivo sull’immigrazione. Nettamente negativo sull’economia.

Dottor Nordio, ma lei è un salviniano?

No, non sono salviniano. Considero semplicemente efficace l’energia con cui il ministro dell’interno affronta la questione dell’immigrazione, al netto di certe espressioni un po’ brutali e rudi.

La solitudine non è anche colpa della politica italiana sull’immigrazione?

Sull’immigrazione c’è una grande ipocrisia. Tutti gli stati europei hanno chiuso le loro frontiere, ma solo noi italiani facciamo la figura di quelli brutti, sporchi e cattivi.

Però il governo italiano ha sfidato apertamente l’Europa.

Ma era doveroso alzare la voce, Salvini è stato il primo ed è stato anche coraggioso.

Il rapporto tra politica e giustizia in Italia evolverà mai?

Non fino a quando i processi saranno utilizzati come degli strumenti di lotta politica per eliminare l’avversario.

Il problema è solo politico?

Oggettivamente, c’è un’interferenza continua ed indebita della magistratura nella politica. Ogni volta che qualcuno assume una posizione di rilievo lui o i suoi familiari vengono raggiunti da un’indagine giudiziaria.

I cinque stelle hanno votato contro il processo a Salvini: è un passo in questa direzione?

Considerato il punto da cui partivano, cioè un giustizialismo piuttosto emotivo, credo lo sia. Sebbene mi abbia fatto rabbrividire quel quaranta per cento di loro che ha votato sulla piattaforma Rousseau a favore dell’autorizzazione a procedere.

Perché la stupisce?

Perché è schizofrenico mandare a processo non solo Salvini ma anche Conte, Toninelli e Di Maio, cioè i rappresentanti del governo che hanno votato alle elezioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.