Federica Angeli e l’imbarazzante selfie con Manuel Bortuzzo

Politica

Federica Angeli è una giornalista di Repubblica che per le autorità sarebbe nel mirino della malavita di Ostia, in particolare quella legata agli ambienti di estrema destra. Oggi torna alla ribalta minacciando querele alla famiglia di Manuel Bortuzzo, il nuotatore 19enne che è rimasto paralizzato per un colpo di arma da fuoco destinato ad altri, per le critiche a un suo articolo intervista sul ragazzo: Angeli si è recata infatti a visitarlo in ospedale, ma da qui in poi divergono le versioni della famiglia e della firma di Repubblica. Secondo i genitori nessuno le avrebbe dato l’autorizzazione di scrivere un articolo, nè di sbattere in pagina un selfie con un ragazzo che non merita di essere trattato come un trofeo. Angeli però grida “al complotto” e minaccia cause legali perchè sostiene di essersi qualificata come giornalista. I genitori negano, parlando di una scrittrice e della scorta che si sarebbero qualificati come “antimafia”. Incrociando le due versioni reperibili su Facebook si capisce che in parte hanno ragione tutti e due perchè questi fatti trovano riscontro in entrambe le ricostruzioni: Angeli si è presentata in ospedale con un suo libro e avrebbe chiesto di donarlo al ragazzo, Manuel stimandola ha chiesto di incontrare la scrittrice, ma non per rilasciare un’intervista, fatto su cui Angeli nel suo minaccioso post glissa. Quindi è vero che ha detto di essere Federica Angeli di Repubblica, ma poteva essere così corretta da chiedere l’intervista prima di farsi un selfie con un giovane a cui è stata stroncata la vita. E’ nostra opinione invece che di fronte a un selfie così imbarazzante, che andava evitato comunque anche se fosse stato chiarito l’intento della giornalista, si dovesse fare un passo indietro. Angeli è già famosa e alla sua età dovrebbe conoscere i limiti, per quanto laschi, tra giornalismo e pietas. Invece di chiedere scusa, minaccia querele. Peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.