In nove a giudizio immediato: occupavano case Aler da dare ai cosiddetti amici

Cronaca

Nove antagonisti, tre donne e sei uomini, andranno a processo con rito immediato, senza udienza preliminare, come ha deciso il gip di Milano su richiesta del pm Piero Basilone. I carabinieri li avevano arrestati, a seguito di un blitz dello scorso 13 dicembre, per associazione a delinquere finalizzata all’occupazione abusiva di appartamenti Aler e di  resistenza a pubblico ufficiale. Dopo gli arresti i nove erano stati messi agli arresti domiciliari.

Il processo è stato fissato il 2 aprile. Gli imputati saranno difesi dagli avvocati Eugenio Losco e Mauro Straini e avranno la facoltà di scegliere tra riti alternativi o il dibattimento ordinario. La presunta associazione per delinquere, senza fini di lucro, per l’accusa avrebbe avuto “uno scopo comune: una propagandata ‘giustizia sociale’ a tutela del diritto della casa, volta a creare una soluzione all’emergenza abitativa, parallela e contrapposta a quella offerta dalle Istituzioni”.

Gli antagonisti arrestati, che distribuivano case ad amici e parenti, fanno parte del “comitato abitanti Giambellino Lorenteggio”.

Solo due giorni fa, il 5 febbraio, in via Manzano 4 al Giambellino è stato nuovamente liberato dagli abusivi il centro sociale “Base di Solidarietà popolare”  che  le forze dell’ordine avevano già sgomberato una prima volta il 13 dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.