Maullu lancia la petizione: “Pene più severe per i crimini sugli animali domestici”

Zampe di velluto

Stop maltrattamenti e abbandoni

Stefano Maullu, parlamentare europeo, ha presentato una petizione volta a inasprire le pene per chi maltratta gli animali e per tutelare i nostri amici a quattro zampe. Va ricordato che in Italia per chi maltratta gli animali è prevista una pena da 3 a 18 mesi di carcere, mentre chi uccide un animale rischia fra 4 e 18 mesi di reclusione.

“A mio parere”, spiega Maullu, “la nostra legislazione su questo tema è inadeguata. In altri Paesi, come ad esempio Francia, Germania e Svezia, le pene previste per questo crimine disgustoso sono molto più severe, e non sono commutabili in una pena pecuniaria”.

Secondo una rapporto di denuncia presentato dalla Lav, la Lega Antivivisezione, nel nostro Paese, purtroppo, ogni 55 minuti si verifica un reato contro gli animali. La casistica spazia da episodi di puro sadismo contro cani e gatti alle corse clandestine e ai combattimenti crudeli organizzati da personaggi senza scrupoli, sino ad approdare ai fenomeni di bracconaggio che causano, oltre al dolore per le povere bestiole, anche squilibri ambientali e rischio di estinzione per alcune specie.

“Chi vive con un amico a quattro zampe”, prosegue Maullu, “sa bene come gli animali domestici diventino veri e propri componenti della famiglia, capaci di riempire le nostre giornate con un affetto incondizionato. Ci amano gratuitamente e si affidano a noi, condividendo le nostre giornate e molto spesso, come nel caso delle persone anziane, forniscono un supporto affettivo e di compagnia dal valore incalcolabile”.

Stefano Maullu ricorda la propria esperienza personale con il suo cagnolino, un barboncino di nome Moet con cui spesso compare simpaticamente sui social network.

“Da quando è entrato a far parte della famiglia, Moet ha portato con sé emozioni e sentimenti meravigliosi. Anche per questo soffro nel profondo ogni volta che vengo a conoscenza di abusi e maltrattamenti nei confronti dei nostri migliori amici”.

I dati, in effetti, sono impressionanti: ogni anno nel nostro Paese vengono abbandonati 80.000 gatti e 50.000 cani; l’80% di queste bestiole rischia di morire per incidenti, inedia o maltrattamenti. Anche i dati sui randagi sono preoccupanti: in Italia ve ne sono circa 900.000, e solamente 100.000 trovano rifugio in strutture d’accoglienza e rifugi.

“Nel nostro Paese”, ricorda Maullu, “la popolazione di animali domestici è stimata in circa 60 milioni di esemplari. Fanno parte delle nostre vite e il loro contributo di affetto e compagnia è straordinario. Vorrei anche ricordare che studi scientifici hanno confermato come la cosiddetta Pet Therapy, la terapia assistita che affianca la medicina tradizionale, abbia notevoli effetti positivi sulla salute di pazienti affetti da disagio o disabilità psichiche e psicologiche. Oltre che esseri viventi con sentimenti e diritti da tutelare, gli animali domestici sono anche estremamente utili a chi vive situazioni di difficoltà e di solitudine”.

Il tema è stato affrontato anche in sede europea; nell’articolo 13 del Trattato di Lisbona, infatti, si sottolinea come gli Stati membri siano chiamati a tenere conto delle esigenze in materia di benessere degli animali in quanto esseri senzienti. La Convenzione europea per la protezione degli animali mira a garantire il loro benessere e contiene disposizioni giuridicamente vincolanti per proteggere gli animali da compagnia secondo uno standard comune e condiviso.

“Per questo”, conclude Maullu, “abbiamo presentato una petizione al governo italiano perché siano inasprite le pene per chi uccide, maltratta o tortura un animale, e che queste pene siano scontate con la detenzione e senza agevolazioni. Chiediamo in particolare che siano modificati gli articoli 543 bis e 534 ter del codice penale. E alla Commissione Europea chiediamo che venga istituita una carta dei diritti per gli animali domestici a tutela delle loro vite e del loro benessere. Si tratta di una battaglia di civiltà e di giustizia, perciò auspichiamo che sia condivisa da tutte le forze politiche sena eccezioni”.
E’ possibile aderire alla petizione on line sul sito di Stefano Maullu al link https://www.maullu.it/petizione.html e a breve le firme verranno raccolte con gazebo dedicati in tutta la provincia di Milano.
Milano Post

Milano Post è edito dalla Società Editoriale Nuova Milano Post S.r.l.s , con sede in via Giambellino, 60-20147 Milano.
C.F/P.IVA 9296810964 R.E.A. MI – 2081845

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.