Una storica riunione di Sindaci e consigli chiede l’ok al prolungamento a Monza della M5

Fabrizio c'è Lombardia

Nell’Italia dei No alle grandi opere è  stato veramente un bel segno vedere ieri 4 sindaci riuniti per chiedere il prolungamento della M5 fino a Monza.

Ieri pomeriggio uno storico consiglio comunale congiunto di Milano e Monza svoltosi nella cornice di Villa Reale ha sancito l’approvazione del progetto e la richiesta al Governo. Intervengono i 4 Sindaci Beppe Sala PD, Dario Allevi Fi di Monza , Ghilardi Lega di Cinisello e Roberto Di Stefano di Sesto Sg. e i capigruppo di tutti i partiti.

Prolungare la M5 da Bignami ( Viale F Testi ) fino  a nord di Monza passando per Cinisello Sesto , l’ospedale San Gerardo, la Villa Reale e il centro di Monza avrà un costo di 1.2 miliardi ma una lunga serie di effetti benefici per l’ambiente, il traffico é l’economia.

210.000 passeggeri al giorno, 40.000 macchine in meno in strada, un bel pezzo di Brianza connessa a Milano, la possibilità di parcheggiare sulla A4 e venire in Mm a Milano.

Ora la parola passa alle mani del Governo che deve finanziare i 3/4 dell’opera: il resto lo metteranno Reggione Lombardia e i comuni di Monza, Sesto, Cinisello e Milano.

Le ragioni per realizzare quest’opera si sprecano. Da quelle ambientali a quelle trasportistiche , a quelle economiche e turistiche. Vogliamo però ricordare al Governo che deve mettere questa opera nella legge finanziaria una ragione spesso dimenticata che attiene alla equita’ fiscale o al federalismo fiscale : Milano versa ogni anno allo Stato 26 miliardi di Irpef e aggiungendo i versamenti di Monza, Sesto e Cinisello arriviamo a 33 miliardi. Insomma ci meritiamo un investimento una tamtum di 900 mulioni.

Fabrizio De Pasquale  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.