Una storica riunione di Sindaci e consigli chiede l’ok al prolungamento a Monza della M5

Fabrizio c'è Lombardia

Nell’Italia dei No alle grandi opere è  stato veramente un bel segno vedere ieri 4 sindaci riuniti per chiedere il prolungamento della M5 fino a Monza.

Ieri pomeriggio uno storico consiglio comunale congiunto di Milano e Monza svoltosi nella cornice di Villa Reale ha sancito l’approvazione del progetto e la richiesta al Governo. Intervengono i 4 Sindaci Beppe Sala PD, Dario Allevi Fi di Monza , Ghilardi Lega di Cinisello e Roberto Di Stefano di Sesto Sg. e i capigruppo di tutti i partiti.

Prolungare la M5 da Bignami ( Viale F Testi ) fino  a nord di Monza passando per Cinisello Sesto , l’ospedale San Gerardo, la Villa Reale e il centro di Monza avrà un costo di 1.2 miliardi ma una lunga serie di effetti benefici per l’ambiente, il traffico é l’economia.

210.000 passeggeri al giorno, 40.000 macchine in meno in strada, un bel pezzo di Brianza connessa a Milano, la possibilità di parcheggiare sulla A4 e venire in Mm a Milano.

Ora la parola passa alle mani del Governo che deve finanziare i 3/4 dell’opera: il resto lo metteranno Reggione Lombardia e i comuni di Monza, Sesto, Cinisello e Milano.

Le ragioni per realizzare quest’opera si sprecano. Da quelle ambientali a quelle trasportistiche , a quelle economiche e turistiche. Vogliamo però ricordare al Governo che deve mettere questa opera nella legge finanziaria una ragione spesso dimenticata che attiene alla equita’ fiscale o al federalismo fiscale : Milano versa ogni anno allo Stato 26 miliardi di Irpef e aggiungendo i versamenti di Monza, Sesto e Cinisello arriviamo a 33 miliardi. Insomma ci meritiamo un investimento una tamtum di 900 mulioni.

Fabrizio De Pasquale  

Fabrizio De Pasquale

Capogruppo di Forza Italia nel Consiglio Comunale di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.