Rogoredo: caos parcheggi e residenti che non trovano posto, ma l’assessore non interviene

Milano

I residenti da tempo denunciano la situazione: «Auto in sosta dovunque, per noi abitanti è impossibile trovar posto»

Milano 12 Marzo – La situazione parcheggi a Rogoredo «è sempre più critica», e il Comitato Voci di Santa Giulia denuncia il silenzio dell’assessore alla Mobilità Marco Granelli. «Dalle prime ore della mattina – lamenta Luisa Maria Grego, amministratrice del gruppo Facebook – come al solito troviamo auto in sosta in ogni dove». A occupare le strisce bianche sono centinaia di dipendenti di Sky, pendolari e viaggiatori, che «hanno preso l’abitudine di lasciare tutta la settimana le auto in sosta», mentre gli abitanti sono costretti a lunghi giri a vuoto per trovare un posto libero.

I cittadini si sono rivolti all’esponente della giunta più di un anno fa e lo stesso presidente del Municipio 4, Paolo Guido Bassi (Lega) ha sollevato la questione già lo scorso giugno, ma Granelli «continua con il suo silenzio, senza nulla fare. Le risposte che ci ha dato – conclude Grego – non ci soddisfano». Gli abitanti della zona chiedono a gran voce la realizzazione di nuovi stalli e la conversione di quelli gratuiti in strisce blu peri residenti, in modo da disincentivare chi viene da fuori ad utilizzare quegli spazi.

«Dal Comune – afferma Bassi – ci hanno detto che le strisce blu dovrebbero arrivare a fine 2018. Considerato che è trascorso un anno dalla nostra richiesta ci sembrano tempi lunghi per questo tipo di intervento». E la presenza del deposito Atm a San Donato non pub valere come giustificazione, dal momento che «non viene utilizzato al 100% e gli automobilisti continuano a riversarsi nei pressi della stazione». Per tutta risposta, dallo staff di Granelli specificano che, «come dichiarato più volte dall’assessore, le strisce blu si faranno, dopo la realizzazione di quelle in area Stazione Centrale». Sulle tempistiche, pero, non v’è certezza.

AEC (Libero)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.