Cara Boldrini, noi non possiamo stare a guardare di fronte alla violenza dei Centri sociali

Politica

Milano 20 Febbraio – Ma di che parliamo? Di un antifascismo volutamente risuscitato per creare paura? Di qualcosa che la mente acutissima della Boldrini, novella veggente, prefigura come pericolo?

“Tutti i gruppi che si ispirano ai neofascisti vanno sciolti. Noi dobbiamo dirlo con forza: i gruppi che si rifanno a una ideologia fascista vanno sciolti. Non c’è spazio per loro in democrazia. Oggi dobbiamo stare attenti perché nel nostro Paese si sono moltiplicate le azioni provocatorie e violente da parte dei gruppi neofascisti, nei territori come sulla rete. Non possiamo più far finta di niente”, ha detto e scritto. E le manifestazioni antifasciste sono state 150 in tutta Italia. Manifestazioni, queste sì,  violente e incontrollabili. Un esempio per tutte, quella di Piacenza. Impegnati oltre quattromila uomini e donne delle forze di polizia, I violenti, questi sì, sono i collettivi, gli antagonisti, figli di una sinistra che non vede, non sente. A cui è concesso l’inimmaginabile. Evidentemente piacciono alla Boldrini, perché nessuna condanna, nessun “al lupo, al lupo”, ha manifestato. Ma se voleva ottenere che l’odio si esprimesse nelle piazze c’è riuscita. La sua miopia è quella tante volte dimostrata dalla sinistra negli anni di piombo, quando sono determinanti i loro voti. Hanno risuscitato il mostro del fascismo, per avere un mostro da combattere, non avendo nulla da proporre se non il buonismo infinito per i migranti

E allora, cara Boldrini, prova a dire “Tutti i gruppi che si ispirano al comunismo vanno sciolti. Noi dobbiamo dirlo con forza: i gruppi che si rifanno a una ideologia comunista vanno sciolti. Non c’è spazio per loro in democrazia. Oggi dobbiamo stare attenti perché nel nostro Paese si sono moltiplicate le azioni provocatorie e violente da parte dei gruppi antagonisti, nei territori come sulla rete. Non possiamo più far finta di niente”.

Bene ha detto Berlusconi “Il fascismo è morto e sepolto. Il caso di Macerata è stato il gesto di un singolo fuori di testa che ha agito per conto suo. Mentre invece c’è questo movimento dell’antifascismo che a Piacenza ha picchiato un esponente delle forze dell’ordine: è un movimento pericoloso che viene dai centri sociali ed ha un programma di iniziative inaccettabile. I fascisti sono morti ma ricordo che fascismo e nazismo sono arrivati come movimenti socialisti”.

1 thought on “Cara Boldrini, noi non possiamo stare a guardare di fronte alla violenza dei Centri sociali

  1. Eccola di nuovo! La “cara boldry” resta sempre la mia “preferita”e devo dire che le sue lungimiranti e intelligentissime riflessioni rappresentano certamente un faro illuminante per, spero ancora pochi, beoti che hanno il coraggio di ascoltarla.
    Non riesco a togliermi dalla mente quando quella lì ci informò che lo stile di vita degli immigrati sarebbe presto diventato anche il ns stile di vita : conseguenza logica delle precedenti esternazioni della madama era arrivare a parlare di fascismo, razzismo ecc.ecc. dimenticandosi di tutti quei fancazzisti dei centri sociali, no-global, antagonisti e chi più ne ha ne metta, sicuramente foraggiati da queste sinistre o sinistronze che dir si voglia, che imperterriti continuano a fare danni forti della protezione di questi loschi figuri di cui certamente anche la cara boldry ne fa parte.
    Spero ardentemente che i cittadini calpestanti il suolo milanese ma non per questo rispettosi di questa città, non diano credito a quella lì che resta unicamente una grande seminatrice di zizzania e di odio.
    Considero la boldrini una delle peggiori rappresentanti, purtroppo parlante, che questo povero Paese poteva ritrovarsi fra i piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.