Giornata della Memoria 2018: gli eventi in programma in città

Milano

Milano 27 Gennaio – Il passato è destinato a ripetersi, se lo si dimentica: un pensiero, quello legato all’Olocausto, che proprio lo scorrere del tempo e l’usura hanno quasi banalizzato, ma che se contestualizzato e riportato alle tragiche circostanze che lo hanno generato riprende il proprio significato di umanissimo monito.

Come ogni anno Milano si prepara dunque a celebrare la Giornata della Memoria, sabato 27 gennaio, con una serie di eventi sia di carattere istituzionale che afferenti a iniziative private.

Ecco dunque dalla programmazione delle attività previste in città.

Il Memoriale della Shoah di Milano, in Piazza Edmond J. Safra 1, organizza visite due open day gratuiti  domenica 28 gennaio. L’unico costo, di 1,50 euro, è quello relativo alla prenotazione. Per informazioni si consiglia di chiamare il numero 02 4150064 (dal lunedì al giovedì dalle 11.00 alle 13.00).

Il 29 gennaio alle ore 18 il Municipio 7 nelle sede di via Anselmo da Baggio 55 organizza una giornata con proiezione di due video commemorativi – ” “La Shoah dei bambini”  e “Dalla rivolta di Varsavia alla nascita dello Stato d’Israele” – e la consegna di targhe della riconoscenza. Intervengono Natalie Gutman Chen – Ambasciata di Israele, Fiamma Nirenstein – Scrittrice e giornalista, Alberto Giannone – Giornalista ed Eugenio Schek – Sinagoga Beth Shlomo – Centro Studi Brigata Ebraica

Il 14 febbraio partirà dal Binario 21 il treno della memoria, diretto a Cracovia con tappa a Budapest. Partecipano ragazzi di età compresa tra i 16 e i 25 anni, accompagnati in un percorso di cittadinanza attiva e approfondimento, in preparazione al viaggio. Per informazioni e partecipazione al viaggio scrivere a cag@tempoperlinfanzia.it oppure telefonare al 392.8559708

Casa della memoria

Fino al 5 febbraio sarà allestita una mostra a cura di ANED che ricostruisce le vicende dei  432 deportati del “trasporto 81”, il lungo convoglio di carri merci stipati di prigionieri partito da Bolzano il 5 settembre 1944 e arrivato due giorni dopo al lager di Flossenbürg in Alta Baviera.

Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Sabato 27 gennaio la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli presenta alle 18.30 l’iniziativa Raccontarsela – La narrazione fra memoria e rimozione, incontro pubblico fra il giornalista e scrittore Paolo Rumiz e lo psicanalista Luigi Zoja, con la moderazione di David Bidussa, in collaborazione con Ariele, Associazione Italiana di Psicosocioanalisi. Un confronto, quello previsto nella Sala di Lettura di viale Pasubio, che, muovendo dalla ripresa della fascinazione per le ideologie totalitarie del Novecento, passa in rassegna i passaggi che abbiamo rimosso.

A seguire, alle 20.30, nella Sala Polifunzionale verrà messa in scena in anteprima nazionale Il silenzio del mare, a cura della Fondazione Teatro Due di Parma, proposta di indagine sui temi della resistenza all’oppressione e della perdita della libertà. Il testo è l’opera prima di Vercors, nome d’arte dello scrittore francese Jean Bruller,  un racconto che propone il tema dell’opposizione e di rivolta in un contesto in cui la condizione collettiva è, invece, quella dell’adeguamento all’occupazione e della disponibilità a collaborare con l’oppressore. Entrambi gli eventi sono a ingresso libero.

Giornata della memoria a teatro

Il Teatro Dal Verme organizza il 22 gennaio dalle 21:00 alle 22:30, in collaborazione con la Consulta Provinciale Studenti e gli Assessorati Educazione – Istruzione e Cultura del Comune di Milano, la rappresentazione dello spettacolo teatrale, a ingresso libero e gratuito, Che non abbiano fine mai… Lo spettacolo di e con Eyal Lerner, prevede momenti di partecipazione di studenti artisti e del pubblico che, tra musica e racconti, ha la possibilità di vivere un’esperienza innovativa e toccante sul tema della Shoah e della Deportazione per riflettere sui valori della vita e della dignità della persona.

Al Piccolo Teatro Studio Melato, fino al 28 gennaio, sarà messa in scena l’opera Matilde e il tram per San Vittore, scritto da Renato Sarti, che racconta il “non eroismo” degli abitanti delle case operaie di Sesto San Giovanni, Milano, Cinisello e dei comuni limitrofi che si opposero al fascismo con alcuni scioperi, finendo vittime di retate.

Il 27 gennaio appuntamento alle ore 20 al Conservatorio G. Verdi: l’Associazione Figli della Shoah Comunità Ebraica di Milano, la Fondazione CDEC, il Memoriale della Shoah di Milano e Gariwo presentano il concerto Destinatario sconosciuto di Katherine Kressmann-Taylor. Musiche di Wolfgang Amadeus Mozart, Paul Hindemith e Ilse Weber, con la partecipazione del Coro di voci bianche “F. Gaffurio” del Conservatorio di Milano; liriche di di M. Ravel, J. Rodrigo, A. Hemsi (Lucia Conte soprano  Alessandro Tamiozzo tenore  Muriel Grifó pianoforte). Ingresso libero

Il Teatro Franco Parenti alle ore 20.30 del 27 gennaio organizza la serata Memoria e Responsabilità divisa in due parti. 1943, di settembre è l’incontro con Elena Aga Rossi, storica e saggista, che parlerà di eventi che attraversano un periodo drammatico nella storia del nostro paese quali le leggi razziali, l’armistizio del 1943 e la fuga dei Savoia.

2018, un museo dei diritti umani vede invece la partecipazione di Cristina Cattaneo, medico antropologo e forense dell’Università di Milano, la quale parlerà di un progetto in via di realizzazione che dimostra come la Memoria storica possa essere preservata da chi ancora oggi nega verità attuali  di fatto sotto gli occhi di tutti. Il Museo dei Diritti umani, che Cristina Cattaneo ha ideato, sta divenendo realtà qui a Milano e lo scopriremo con lei.

Nel contesto della serata – moderata da Moreno Gentili – Maria Elena Vivaldi, accompagnata da Roberta Romeo, Nicola Occhipinti, Riccardo Sala e Gerlando Mangione, canterà pezzi quali Dona Dona Dona, Vor del Kaserme, GAM GAM e altre memorie di guerra. Domenico Cicchetti e Elvira Poscio leggeranno brani dal libro Roma 1943 di Paolo Monelli.

Giornata della memoria al cinema

Presso il Cinema Spazio Oberdan si tiene l’anteprima milanese di Otto Frank, padre di Anna, documentario che ripercorre il travaglio morale che Otto Frank si trovò a dover affrontare quando entrò in possesso del diario della figlia. Sabato 27 gennaio alle ore 17 – Biglietto intero € 7,50; ridotto con Cinetessera € 6,00.

Il MIC-Museo Interattivo del Cinema mette in programma La signora dello zoo di Varsavia, adattamento cinematografico dell’omonimo best-seller di Diane Ackerman,. Protagonista del film la due volte candidata all’Oscar Jessica Chastain nel ruolo di Antonina Żabińska, moglie, madre e lavoratrice che per molti, durante la Seconda Guerra Mondiale, divenne un barlume di speranza nella Varsavia occupata dai nazisti. Sabato 27 gennaio alle ore 17 – Biglietto intero € 6,50; ridotto con Cinetessera € 5,00.

Il 27 gennaio Lucky Red porta nelle sale cinematografiche come evento speciale Gli invisibili di Claus Räfle. Il regime nazista ha ufficialmente dichiarato la capitale del Reich “libera dagli ebrei”. Tuttavia alcuni di loro sono riusciti in un’impresa apparentemente impossibile: sono diventati ‘invisibili’ agli occhi delle autorità. Tra questi Cioma, Hanni, Eugen e Ruth, quattro giovani coraggiosi troppo attaccati alla vita per lasciarsi andare ad un triste destino.(Milanoweekend)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.