Mercedes targata Monaco nel posto disabili: “Tanto la multa non mi arriva”

Cronaca

Milano 13 dicembre –  Un’auto di grossa cilindrata con targa di Montecarlo parcheggiata nei posti riservati ai disabili. E il proprietario che, a chi glielo fa notare, risponde: “Tanto nel nostro Paese la multa non arriva”. Un nuovo esempio di mancanza di rispetto per i disabili e di parcheggio selvaggio a Milano: a documentare su Twitter la scena è lo scrittore Tito Faraci, che posta la foto della Mercedes parcheggiata è scrive: “Mettono la macchina con targa Montecarlo nel parcheggio disabili, un mio amico glielo fa notare, gli danno dello ‘straccione’ e dicono ‘tanto nel nostro Paese la multa non arriva’”. 

Insomma, un presunto caso di inciviltà che si incrocia con la tendenza di proprietari di auto con residenza all’estero – dimostrata dalle analisi del Comune di Milano in questi anni – a non pagare le multe prese a Milano. Secondo i dati della polizia locale, infatti, dei circa 3,7 milioni di multe per infrazioni stradali fatte a Milano nel 2016, circa 220mila riguardano stranieri o italiani residenti all’estero: di queste, solo il 40% è stato notificato, e meno della metà di quelle notificate sono state pagate: poco meno di 40mila multe, per un totale di 3,4 milioni di euro. Una scorrettezza doppia, nel caso raccontato su Twitter, visto che l’infrazione stradale riguarda anche una categoria debole, quella dei disabili.

Tra i tantissimi commenti c’è chi rigira la questione al Comune di Milano, chiedendo un intervento, visto che nella foto originale si vede anche la targa dell’auto. Ma l’account Twitter del Comune risponde: “Buongiorno, da questa postazione non possiamo richiedere interventi diretti. In caso di violazioni del codice della strada è necessario avvisare direttamente la polizia locale allo 020208. Grazie per la collaborazione”. (Repubblica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.