Le polveri salgono mentre i divieti aumentano

Fabrizio c'è Milano
Milano 22 Ottobre – Forse la pioggerella di ieri sera abbasserà  un po il livello delle polveri sottili ( pm 10 ). Però una cosa va detta sfidando il pensiero unico dei talebani ambientalisti . Le misure emergenziali tipo blocco parziale o selettivo delle auto non servono a nulla.
Guardate la statistica dell’Arpa sul livello medio del pm 10 a Milano. Da quando sono entrati in funzione i divieti di circolazione per i mezzi Euro 3 diesel ed Euro 4 diesel, cioè  martedì  17 ottobre, il livello delle polveri è  sempre salito e nemmeno di poco. Solo Venerdì 20 il livello è sceso di poco ma rimanendo sopra i 100.
Dunque queste misure sono ininfluenti.
Siccome però gli ambientalisti non guardano i dati ma vivono di ideologia, se la prossima settimana non pioverà o farà  vento prepariamoci a divieti di circolazione ancora più estesi e più inutili.
C’è chi parla di blocco delle moto, chi di divieto per tutti gli euro 4 diesel. Sono misure  non solo ininfluenti ma anche  classiste perché penalizzano chi non ha i soldi (né gli incentivi) per cambiare l’auto.
La coscienza dei Comuni che fanno girare autobus vecchi di 12 anni, che hanno la metà degli edifici pubblici ancora a gasolio, che ci mettono 13 anni a fare una metropolitana,  è  però salva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.