In arrivo 7 nuovi Autovelox a Milano, ecco dove

Milano

Il primo accesso in agosto, gli altri 6 da settembre in poi. La priorità al raddoppio in Palmanova o Missaglia 

Milano 27 Luglio – Le multe da autovelox? In costante calo. Nel 2016 sono state complessivamente 578.900, nei primi sei mesi del 2017 «solo» 205.299. Basta fare un rapido calcolo per notare un trend in picchiata. Da qui a fine anno, però, la curva delle sanzioni da «occhio elettronico» è destinata a risalire. Sì, perché il Comune è pronto a far scattare la «Fase 2» degli autovelox. Oltre agli otto già in funzione da qualche anno, nelle prossime settimane se ne aggiungeranno altri sette. Per il primo impianto «metti-multi» è solo questione di giorni. Tra la fine di luglio e l’inizio di agosto l’autovelox sarà acceso. Dove? L’assessorato alla Mobilità guidato da Marco Granelli non ha ancora sciolto la riserva. Tutto dipende dai tempi di posizionamento della cartellonistica che indica l’entrata in funzione del nuovo autovelox.
Il primo nuovo «occhio elettronico» a entrare in funzione, a quanto si apprende, dovrebbe essere in viale Palmanova o in via dei Missaglia. In entrambi i casi si tratta di un raddoppio dell’impianto già presente sulla strada. Sì, perché nel marzo 2014 sono stati già piazzati un autovelox in via Palmanova (limite 70 km/h) e un altro in via dei Missaglia (limite 50 km/h), tutti e due in direzione periferia. I due nuovi autovelox sanzioneranno invece gli automobilisti che superano il limite di velocità indicato procedendo in direzione centro di Milano. Tra qualche giorno si saprà quale sarà il primo ad essere acceso.
Gli altri nuovi autovelox, invece, entreranno in funzione da settembre in avanti, a scaglioni, come già annunciato dall’amministrazione comunale. Perché «a scaglioni»? Perché la Giunta Sala non vuole ripetere l’errore commesso dalla Giunta Pisapia, che accese i sette autovelox tutti nello stesso giorno del marzo 2014 e dopo alcune settimane vide gli uffici della Polizia locale «sommersi» da multe da notificare entro sei mesi agli automobilisti sanzionati per eccesso di velocità. Quelle sanzioni erano migliaia, talmente tante che i vigili urbani non riuscivano a notificarle entro sei mesi e lo facevano dopo otto, nove o dieci mesi. Risultato: i ricorsi ai Giudici di pace vedevano quasi sempre perdente il Comune. Da qui la nuova strategia di Palazzo Marino: sì ai nuovi autovelox, ma con gradualità. Da settembre, quindi, due «occhi elettronici» saranno posizionati in viale Fulvio Testi, per ognuno dei sensi di marcia (verso la periferia e verso il centro), tra il cavalcavia ferroviario e via Matteucci (limite 50 km/h); uno in via Parri, direzione centro città, tra il canale scolmatore e via Spagliardi(70 km/h); e altri due saranno posizionati in via Virgilio Ferrari, in entrambi i sensi di marcia, tra via Campazzino e via Selvanesco (70 km/h).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.