Treno devastato dai vandali, pendolari bloccati sulla Milano-Lecco

Cronaca

Milano 11 Giugno – Vandali in carrozza sulla linea ferroviaria S8 Milano – Lecco via Carnate. I teppisti hanno rubato dai vagoni alcuni estintori con i quali hanno poi spaccato alcuni finestrini, compresi quelli della cabina di guida riservata ai macchinisti. Ma hanno anche smontato alcuni pannelli, divelto seggiolini e tagliato cavi elettrici. Per questo l’altra sera due corse sono state cancellate e i pendolari di ritorno dall’ufficio o da scuola sono rimasti a bloccati, come il treno fermo in banchina su cui avrebbero dovuto salire.

È il treno numero 10876 previsto in partenza da Milano Porta Garibaldi alle 19.22 e diretto a Lecco con arrivo alle 20.23. Di conseguenza, è stato soppresso pure il tragitto di ritorno, la corsa corrispondente 10883 da Lecco delle 20.37 con arrivo a Garibaldi alle 21.38, perché effettuata con lo stesso treno che viaggia avanti e indietro.

«Le corse sono cancellate a causa un atto vandalico compiuto da ignoti che ha reso necessario un intervento di manutenzione straordinaria», hanno spiegato tramite gli altoparlanti nelle stazioni e i messaggi sui sociale e le app gli operatori di Trenord. Non è nemmeno la prima volta che successe. Anzi. La linea locale S8 Milano – Lecco via Carnate, con fermate in ogni stazione, e la regionale Milano – Lecco – Sondrio Tirano, con fermate nelle città e nei paesi più grandi, sono tra quelle in Lombardia più prese di mira.

Succede specialmente durante la notte, quando i treni parcheggiati sui binari diventano dormitori improvvisati. Solo nel 2016 in tutta la regione sono stati contanti 8mila atti vandalici, una media di 23 al giorno, che hanno comportato la soppressione di corse e l’obbligo di portare i treni in rimessa per le riparazioni. L’anno scorso per rimediare ai danni sono stati spesi quasi 900mila euro, l’equivalente del costo di 58mila biglietti da Sondrio per Milano o quasi il prezzo di un vagone nuovo. «Questi episodi comportano ritardi della circolazione dei treni, soppressioni, quando i treni diventano inagibili, decurtazioni dei posti disponibili per i passeggeri e disagi per i clienti», commentano i dirigenti di Trenord. I vandalismi sono così frequenti che è stata allestita persino una sorta di squadra speciale «Pulizia e decoro». (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.