Lorenteggio e Porta Genova, arrestato 21enne rapinatore seriale

Cronaca

Milano 24 Maggio – Era stato arrestato il 15 febbraio scorso per una tentata rapina in una farmacia in largo Scalabrini, dopo tre mesi di indagini però si è scopreto che di rapine ne ha messe a segno ben 13, sei delle quali ai danni della stessa farmacia. Per questo il 21enne Serdar Kapucu nato a Istanbul da madre italiana, soprannominato “Professionista”, ha ricevuto  in carcere un nuovo ordine di custodia cautelare.

Quattro delle rapine messe a segno da Kapucu sono state effettuate dal 14 aprile al 14 giugno 2016, le altre dal 2 gennaio al 15 febbraio 2017, giorno dell’arresto in flagranza di reato durante il 14° colpo. Le indagini erano in corso da quando era emersa una escalation di rapine tra Lorenteggio e Porta Genova, nel 2016, interrotta e ripresa poi nel 2017, a detta del giovane a causa del suo trasferimento in Spagna per qualche mese.

La serialità è emersa per il modus operandi sempre uguale: il 21enne entrava correndo negli esercizi commerciali, con una felpa con cappuccio che gli copriva il volto e a volte anche con una sciarpa. Armato di un coltello da cucina con una lama da di 30 centimetri, minacciava i presenti, saltava dietro il bancone e si impossessava dell’incasso fuggendo.

Mai nessuno è rimasto ferito, il bottino era quasi sempre di 300-500 euro tranne nelle due ultime rapine effettuate prima dell’arresto, rispettivamente il 6 e il 9 febbraio, entrambe in due negozi di via Inganni. In questi casi non era funzionanti le telecamere e le vittime avevano denunciato un ammanco di circa 1.000 euro.

Oltre alla farmacia di largo Scalabrini, rapinata altre 6 volte oltre alla tentata rapina del 15 febbraio, il rapinatore aveva colpito altre farmacie, tra cui quella di via Dei Fiordalisi, e dei panifici nella zona. Dopo la “pausa” in Spagna, aveva ripreso a rapinare negozi a Milano nel 2 gennaio 2017 con due episodi il giorno stesso e altri 2 il 16 gennaio. Kapucu era già stato autore di rapine quando ancora minore e di seguito affidato ad un comunità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.