Il PD chiede 200 ausiliari della sosta in più. Ma tanti parcheggi in meno

Fabrizio c'è Milano
Milano 15 Marzo – Non bastano autovelox, telecamere per corsie preferenziali e Zone a Traffico Limitato, e dall’anno prossimo pure la LEZ ( ow Emission Zone). Non bastano i record italiani di verbali elevati (3,25 milioni), di multe incassate nel 2016, 157 milioni e di multe previste a bilancio nel 2017 (330 milioni). No, non bastano!
monguzzi-gentileOra il PD chiede pure 200 ausiliari della sosta in più. I consiglieri Monguzzi e Gentili sono convinti di poter ulteriormente stangare gli automobilisti sanzionando altre 80.000 auto  al giorno che, secondo loro,  eviterebbero di pagare la sosta su righe blu e righe gialle.
Ma se gli incassi della sosta gestiti da Atm non sono soddisfacenti i consiglieri PD dovrebbero farsi alcune domande: quanti posti auto sono stati eliminati da loro stessi a Milano? Se le tariffe più care sono in centro, con Area C diminuiscono gli incassi della sosta in centro? Perché le società che effettuano il servizio  del car sharing, che pure hanno auto inquinanti, pagano annualmente cifre irrisorie per parcheggiare sulle strisce blu e per Area C?
Per fare piste ciclabili, corsie preferenziali, cordoli, musoni, marciapiedi larghi, aree ztl e pedonali, parterre protetti, sono stati eliminati dal 2011 almeno 5.000 posti auto. Altri li hanno eliminati i cantieri della M4 e gli stalli per le moto e il bike sharing.
E poi, sotto i paladini della legalità del PD, sono esplosi i parcheggiatori abusivi diurni e notturni: Papiniano, Sant’Agostino, Triennale. Questi incassano al posto del Comune e per sgominarli ci vogliono le forze dell’ordine e non gli ausiliari del traffico. Se stangate sempre gli automobilisti non è detto che incasserete sempre di più. Ed è certo che l’economia, il commercio e il lavoro ne patiranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.