E le piste ciclabili diventano un ring tra pedoni e ciclisti

Milano

Milano 9 Novembre – L’articolo divertente di Gian Luigi Paracchini sul Corriere riporta con giusta ironia lo scontro tra pedoni e ciclisti sulle tanto osannate piste ciclabili, orgoglio di Pisapia. E descrive con divertite osservazioni un diverbio verbale tra un pedone un po’ indisciplinato e un ciclista orgogliosamente fiero dei suoi diritti. Diritti sanciti da una ideologia strisciante che pone i ciclisti nell’Olimpo degli Unti da Pisapia e gli altri tra i derelitti. Scrive “Guarda dove cammini!». «Pensa a frenare!». Piccola schermaglia (ma vibrante di scampanellio) in corso Venezia, angolo via Palestro, fra ciclista e pedone. Il primo in regola di semaforo verde e spazio ciclabile, il secondo serenamente trasgressivo con semaforo rosso in spazio riservato appunto alle due ruote. Seguono altre battute più colorite ma non è questo il punto. La novità è che dopo anni di reprimende sull’anarchia pedalante, tanto prepotente nello sgusciare sui marciapiedi quanto spavalda nell’imbroccare sensi unici alla rovescia (magari al buio e fanalino spento) i ruoli si stanno invertendo. Ora sono i ciclisti, coscienti d’essere popolo largamente in crescita, ecologicamente corretto e pure abbastanza di moda, a lamentare un allegro menefreghismo, soprattutto da parte dei pedoni, per i loro spazi. E non mancano di farlo notare.” Ma la domanda è: lo spazio destinato ai pedoni dove sta? Perché stringi i marciapiedi di qua, costruisci stazioni per bici di là, disegna strisce blu in ogni dove per incassare, forse a Palazzo Marino pensano che i pedoni abbiano nel frattempo imparato a volare, ma non è così.

E allora, anche se è politicamente molto scorretto, a me quel pedone che invade impropriamente la sacra pista ciclabile è simpatico. “Ma sì – deve aver pensato – trasgredire per una volta e violare una supremazia che farà pure comodo ai pedalanti, ma ha fatto solo danni in certe zone, può anche essere motivo di un sorriso”.

Nene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.