Il Comune non fa manutenzione e il pavé diventa un pericolo micidiale

Fabrizio c'è Milano
Milano 25 Ottobre – Sabato notte una ambulanza è stata sbalzata e ha distrutto il semiasse in Corso Magenta. Fortunatamente non aveva ancora caricato la bambina di 20 mesi per il cui soccorso era stata chiamata.img-20161024-wa0011
La manutenzione dei masselli o pavé è sempre meno efficace. Non solo corso Magenta, ma anche le centralissime via Torino, Via Manzoni e Via Turati sono sconnesse. Per non parlare di Via Settembrini, Via Venini e Corso Concordia.
Non vogliamo imbarcarci nel ricorrente tema  del pavé si o no. Siamo sempre stati per il massello nelle zone storiche e per eliminarlo nelle strade di recente edificazione ((Via Leoncavallo, Via Meda). Tanto non abbiamo assessori in grado di portare avanti un piano cosi ambizioso.
Ma almeno sarà possibile avere una manutenzione tale per cui i motociclisti e i ciclisti non debbano rischiare la vita e gli automobilisti non debbano rimetterci le loro vetture?
5970916Questa amministrazione non lesina risorse se c’è da fare un restringimento di carreggiata, se bisogna fare un cordolo, per disseminare migliaia di cartelli inutili, per realizzare ciclabili faraoniche (40 milioni in 6 anni). Per la manutenzione dei 4000 km di strade e per il centinaio di km di strade in pietra naturale invece le risorse non ci sono mai. Nonostante i milanesi versino un miliardo e 400 milioni di tasse al Comune, ma anche  185 milioni di multe e 25 milioni di Area C che, se non ci sbagliamo, dovrebbero servire anche a garantire la sicurezza stradale.
.
Fabrizio De Pasquale, Consigliere Comunale di Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.