Un nuovo itinerario romantico: in anteprima i giardini e la torre dei Gorani (video)

Video

Videoreportage di Claudio Bernieri

Milano 31 Maggio – Un bosco incantato, da inserire nel Gran tour milanese. Goethe ne sarebbe stato entusiasta. Un itinerario romantico ancora da scoprire, da poco uscito dalle nebbie di un fatiscente parcheggio, dopo cinquantanni di incuria e secoli di abbandono.

la nuova piazzaOra la  torre dei Gorani è rinata, grazie a Finaval,  finanziaria legata alla Fondazione Feltrinelli, proprietaria dell’area: tutto intorno, un giardinetto sfizioso  confinante con i  ruderi coperti d’edera e popolati da felini, ovvero  le terme di via Brisa. Infine una piazza bianchissima e l’abbraccio di nuovissimi palazzi post moderni (molto minimalisti) da cui escono ogni mattina bennati condomini ( tra i quali  Gabriele Salvatores e  Rosellina Archinto).

Un giardino per ora segreto dove si avventurano, ancora incredule di questo dolce stilnovo fiabesco cresciuto nel centro di Milano, coppiette innamorate e  studentessine della vicina Cattolica..

Ecco ad esempio una giovanissima attrice, Linda Pigoni, che passando per corso Magenta, e gironzolando vicino alla sua scuola di recitazione, ha notato la magica torre restaurata. Un  miraggio.

Il libro che aveva in mano, le “20 lezioni d’amore “ del filosofo Armando Massarenti, ( ed.Utet) aveva bisogno di un luogo d’eccellenza per essere consultato. E Linda si siede in questo incanto a meditare. Le pagine?

l’attrice-Linda-Pigoni
l’attrice-Linda-Pigoni

Dialoghi sull’amore tratti dai passi più inusuali di Catullo, Marziale, Abelardo e Eloisa, Spinoza: ma Linda si interessa soprattutto a  quel sant’Agostino che proprio qui dove sorge la torre dei Gorani patì le sue ultime pene d’amore per le dame di corte. Lui, retore (il cantautori di oggi…)  nel palazzo imperiale di Massimiano, di dame  poteva averne a bizzeffe. Poi, si sa, quel Vasco Rossi dell’antichità  amò solo Dio. Piazza, torre e condominio  Gorani poggiano infatti sulle misteriose rovine del palazzo degli imperatori di allora (siamo  intorno al  350  DC) quando Milano era capitale  non solo della moda ma anche della politica e delle armi,  e guidava l’impero romano d’occidente. Palazzo frequentato non solo da Agostino ma anche da Ambrogio. Stanze  perdute di cui restano preziosi mosaici visitabili nelle cantine dei bianchissimi palazzi minimalisti disegnati  dallo studio di architettura Cecchi & Lima.

gli architetti Cecchi e Lima , che hanno realizzato piazza , palazzi e restauro.
gli architetti Cecchi e Lima, che hanno realizzato piazza, palazzi e restauro.

Mosaici accessibili all’occhio umano, anche non condominiale, attraverso oblò illuminati nella piazza dove s’erge, illuminata anch’essa, la maestosa Torre, buen ritiro dei fortunati condomini, ma si spera, visitabile in futuro con il Fai.

“Non facevo che sedurre e lasciarmi sedurre” scriveva Agostino, ci ricorda Massarenti. “Forse iniziò le sue Confessioni proprio qui, a Palazzo” ci racconta Linda: intorno, nel giardino incantato che cresce sui ruderi, fioccano baci coltissimi tra dolci studentessine della Cattolica e baldi giovin signori dei licei privati   della zona.  Mano nella mano  una  coppietta  con optional di West Highland White Terrier  (il giovanotto  con garofano all’occhiello, da dandy metropolitano ) si allontana, paga del bello ritrovato.

torre dei Gorani 1Perché giardino, panchine,   torre e piazza sono  “a gratis”, offerti  gentilmente dalla Fondazione Feltrinelli (e grazie al lavoro trentennale dello studio Cecchi & Lima) al godimento   pubblico di turisti e milanesi : nessuna recinzione, nessun cancello, nessun badge, lampade ovunque a illuminare mosaici e reperti  medioevali. Un cortile trasformato in piazza pubblica. Un grande cadeau architettonico, per risarcire gli occhi dal trash della  Darsena.

“Speriamo non ci vengano i bonghisti” scherza una condomina. Per ora, il luogo è ancora segreto: l’inaugurazione a fine giugno.

Una proposta per risarcire il bello offertoci dalla Fondazione Feltrinelli : omaggiamo il sito. Proponiamo un nome:  “piazza Pasternak”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.