Dove sorgeva l’Alfa inaugurato “Il Centro”, l’Arese Shopping Center (il più grande d’Europa)

Cultura e spettacolo

Milano 14 Aprile – È stato inaugurato l’Arese Shopping Center, nome ufficiale “Il Centro”, là dove sorgevano gli storici stabilimenti dell‘Alfa Romeo. Il centro commerciale di 93 mila metri quadrati distribuiti su due piani, conta oltre 200 negozi (L’ELENCO) ed considerato «il più grande d’Europa». Punta ad accogliere 13 milioni di persone all’anno. Progettato dagli architetti Michele De Lucchi, Davide Padoa e Arnaldo Zappa, il Centro (realizzato dal gruppo Finiper) si estende su 55mila metri quadrati al piano terra e 38mila al primo piano. Rimarrà aperto 7 giorni su 7, parcheggio da 6.000 posti auto.

arese shopping center-2

Il progetto, con un investimento di oltre 300 milioni, segna l’esordio in Italia del colosso dell’abbigliamento low cost Primark, e di Lego. Anche Kentucky Fried Chicken vi inaugura il primo ristorante in provincia di Milano. Vicino al centro, che occupa una superficie totale di 120mila metri quadrati, il museo dell’Alfa Romeo. Attivo tra il 1963 e il 2005, lo stabilimento arrivò a impiegare negli anni ’80 circa 19 mila dipendenti. Resta aperto solo il call center del gruppo Fca, con circa 400 addetti.

MARONI – “Questa è un’opera della quale sono molto contento, perché è coerente con la nostra legge contro il consumo di suolo. Realtà come questa si devono realizzare recuperando aree industriali dismesse e non terreni agricoli, cioè quello che è stato fatto qui”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, presente all’inaugurazione. Oltre al recupero dell’area dismessa dell’ex Alfa Romeo, ha osservato il Governatore, “qui sono stati creati anche 2500 posti di lavoro e sono state fatte numerose opere di compensazione per i Comuni sui quali sorge la struttura. Sono aspetti importanti – ha osservato – perché è giusto che opere di questo genere vengano realizzate con il consenso del territorio. Un bel progetto – ha aggiunto complimentandosi con l’architetto De Lucchi – dove è stato usato molto legno, per richiamare volutamente uno degli elementi distintivi delle cascine lombarde”. La cifra dell’investimento comprende 70 milioni di euro in oneri di urbanizzazione per la realizzazione di una piscina pubblica, una biblioteca civica, un centro sportivo e la riqualificazione di infrastrutture stradali e piazze urbane. (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.