L’Associazione Antigraffiti Retake Milano ha presentato un programma contro il vandalismo indiscriminato che sporca la città

Milano

Milano 19 Marzo – Milano, una mostra a cielo aperto di inciviltà, con graffiti selvaggi, tag, scarabocchi e una volontà senza fine di sporcare, di imbrattare, quasi un insopprimibile desiderio di ferire la Bellezza e il decoro della città. Un voler affermare proteste e invettive, senza rispetto per i Monumenti, per i luoghi, per le abitazioni, per la comunità che vive e condivide gli spazi a Milano. logo-anag-firma1Da tempo l’associazione Antigraffiti Retake Milano con i suoi volontari ripulisce i muri della città con la dedizione che è senso civico e amore: un esempio contro il vandalismo selvaggio e stupido teso a difendere il nostro patrimonio storico. Retake Milano  ha presentato ieri il programma operativo sul territorio milanese per l’anno 2016. Nell’occasione ha festeggiato i dieci anni dalla nascita della prima associazione antigraffiti in Italia, ed ha presentato i nuovi interventi di riqualifica per la città che hanno l’ambizione di essere molto più di una semplice rimozione scritte. Un piano di valorizzazione trasversale che coinvolge: luoghi proibiti, come le celle del carcere San Vittore; strutture scolastiche, attraverso il terzo anno di MILANO FUORICLASSE; un’estensione del progetto di riqualifica dei luoghi caratteristici di Milano, attraverso un impianto d’illuminazione progettata dagli studenti del Politecnico; estensione dei luoghi tesori della città, con una partnership con i volontari del Touring Club per l’iniziativa APERTI PER VOI; Shelly, un’applicazione retake_milano2-300x175che indica le situazioni di degrado, attraverso le segnalazioni geo localizzate dei cittadini; luoghi sconosciuti attraverso MILANO DA VEDERE, un portale che raccontando città ce la fa scoprire, facendocene innamorare.

Continua e si rafforza la collaborazione di Retake con Sikkens e Milano Color, offrendo materiali vernicianti per l’articolato calendario d’interventi che vedranno volontari e detenuti lavorare insieme, per ridare colore negli spazi detentivi.  Retake inoltre porterà avanti anche un progetto di Street Art all’interno degli spazi comuni del carcere, adiacenti il campo da calcio interno, con il generoso supporto di Vincenzo Magno, in arte VIM, giovane studente dell’Accademia di Belle Arti, che renderà meno costrittiva la vista degli spazi aperti della prigione. Un programma che coniuga volontariato, ripristino del Bello e solidarietà. L’Associazione è una porta aperta per chiunque abbia la volontà di collaborare e di essere utile. Per maggiori informazioni www.retakemilano.org –  info@retakemilano.org

In sintesi RETAKE MILANO: è un’associazione Onlus di volontariato che si propone di riportare la bellezza nella città di Milano mediante interventi di ripulitura dei muri, lotta al degrado e partecipazione sociale.

Negli anni sono state riqualificate diverse zone della città dal valore culturale, storico e sociale mediante il lavoro svolto da cittadini volontari e da persone provenienti dalla marginalità sociale e dalla disoccupazion

Per raggiungere i vari obiettivi vengono riqualificati quartieri ripristinando i muri imbrattati o riappropriandosi di strutture di rilevanza e utilità cittadina. Mediante queste attività sul territorio si propone di suscitare nei milanesi di tutte le età e di tutte le provenienze socio-culturali, la consapevolezza e l’interesse nei confronti del bene comune, portando ognuno a sentirsi protagonista nel prendersi cura della città, attraverso conferenze, i social media e collaborazioni con le organizzazioni orientate allo stesso modo, soprattutto gli enti educativi. L’obiettivo dell’Associazione è riuscire, attraverso la ricerca incessante di questi obiettivi, a creare una coscienza collettiva, al fine di diventare responsabili per la tutela, la conservazione e il miglioramento continuo di ogni contesto urbano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.