E’ lo svizzero Gianni Infantino il nuovo presidente FIFA

Sport

Milano 27 Febbraio – Gianni Infantino è il nuovo presidente della Fifa, il massimo organismo internazionale nel calcio. Il dirigente svizzero, segretario generale della Uefa, ha raccolto al secondo turno 115 voti, più del necessario (ne bastavano 104) per ottenere la presidenza della Federazione internazionale. Battuta la concorrenza dello sceicco Salman Bin Ibrahim al Khalifa, che si è fermato a 88 voti. Appena 4 preferenze per il principe Alì di Giordania, zero per il francese Jerome Champagne. Il quinto candidato, Tokyo Sexwale, si era ritirato prima della prima votazione. Infantino succede al connazionale Blatter, travolto dagli scandali. “Rinnoveremo Fifa, al via nuova era” “Voglio essere il presidente di tutte e 209 le Federazioni e insieme a loro rinnovare la Fifa e costruire una nuova era”: ha detto Infantino nel suo primo discorso da nuovo presidente Fifa. “Il mio è stato un viaggio eccezionale – ha spiegato emozionato – in cui ho incontrato tantissime persone che meritano che la Fifa si altamente rappresentata. Noi rinnoveremo la Fifa e dobbiamo esserne orgogliosi, ha aggiunto Infatino che ha ringraziato gli altri candidati, parlando di “un grande segno di democrazia”.

Il profilo del neo presidente Infantino: è nato a Briga il 23 marzo 1970, nel Canton Vallese, ad appena dieci chilometri da Visp, città natale di Blatter. Una sorta di predestinazione, quindi, anche se le radici di Infantino sono chiaramente italiane, paese di cui possiede la cittandinanza, oltre a quella svizzera, ovviamente. Il padre proviene infatti da Reggio Calabria, la mamma dalla Val Camonica. Prima della nascita di Gianni, i genitori si sono trasferiti per lavoro in Svizzera, dove la mamma si occupava di un chiosco di giornali ed il padre lavorava nella compagnia ferroviaria, con incarico specifico nei vagoni letto. Il nuovo presidente ha studiato legge all’Università elvetica di Friburgo. Lavora poi come segretario generale nel centro internazionale di studi sportivi (Cies) dell’Università di Neuchatel dopo aver fatto da consulente per varie organizzazioni calcistiche, comprese le leghe di Italia, Spagna e Svizzera. Nell’agosto 2000 entra nella Uefa occupandosi di questioni legali e commerciali, mentre nel gennaio 2004 viene nominato direttore per gli Affari legali e le licenze per club, incarico che ricoprirà fino al 2007. Infantino diventerà poi direttore generale ad interim (da febbraio a maggio 2007), vice segretario generale e infine, nell’ottobre 2009, segretario generale della Uefa. Dopo la sospensione di Platini, diventa il candidato europeo per la presidenza della Fifa. Ierii, nel corso del congresso straordinario di Zurigo, viene eletto presidente della Federazione internazionale del calcio. (RaiNews)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.