Metropolitana di Brescia. Il Governo fa orecchie da mercante, Regione Lombardia lo incalza

Approfondimenti Lombardia

Milano 15 Febbraio – Una lettera congiunta al ministro Delrio, per chiedere formalmente un incremento dei contributi trasferiti alla Lombardia tramite il Fondo nazionale per il Trasporto pubblico locale. Questa una delle decisioni assunte dal Tavolo, convocato dall’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte, per sortecercare di risolvere le criticità legate ai fondi che mancano alla metropolitana di Brescia. Alla riunione hanno partecipato anche gli assessori regionali Viviana Beccalossi (Territorio e Urbanistica), Simona Bordonali (Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione) e Mauro Parolini (Sviluppo economico) in videoconferenza da Brescia e diversi deputati, senatori e amministratori locali del Bresciano.

Un’iniziativa dunque – ha spiegato Sorte -, che ha trovato il consenso di tutta la politica bresciana, senza distinzioni. Il nostro obiettivo, con l’invito al ministro Delrio, è quello di garantire alla mobilità di Brescia una priorità col sostegno finanziario e i nuovi progetti della metropolitana. E’ una prova di responsabilità di tutte le Istituzioni locali, che considerano la mobilità un bene essenziale per lo sviluppo del territorio di Brescia“.

Con il Tavolo di oggi – ha detto Sorte – ci siamo presi l’impegno di rivedere e aggiornare la ripartizione dei fondi del Tpl, ma è chiaro che questo lo si può fare se anche il Governo ci mette del suo e ci dà una mano, anziché continuare a tagliare. Posso comunque confermare che, se dovessimo ottenere maggiori trasferimenti dal Fondo nazionale, questi saranno destinati alla metropolitana di Brescia“.

Regione Lombardia per l’anno 2016 erogherà all’Agenzia del Tpl di Brescia, a titolo di corrispettivo e di contributo per i servizi di Trasporto pubblico locale nel territorio provinciale di Brescia, 42,6 milioni di euro, di cui 13,8 per i servizi urbani del Comune di Brescia e 28,8 per i servizi extraurbani e dei Comuni non capoluogo. Oltre a tali risorse, è prevista l’assegnazione all’Agenzia di risorse da destinare alle aziende di Tpl per il contratto collettivo nazionale pari a 6,1 milioni e altri 0,7 al Comune per la quota dei servizi del Metrobus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.