Giorno della Memoria: eventi di commemorazione a Milano

Notizie in evidenza

Milano 27 Gennaio – Il 27 gennaio si celebra l’edizione 2016 della Giornata della Memoria per ricordare il dramma della Shoah e per l’occasione a Milano e hinterland è stato organizzato un fitto calendario di appuntamenti, che spaziano dalle mostra alle rassegne cinematografiche, dalle presentazioni letterarie alle visite guidate ai luoghi cittadini legati all’Olocausto.

Al Parco Trotter è prevista un’intera settimana di eventi che arriva fino al 26 gennaio, quando è in programma un incontro animato dagli alunni delle terze medie delle scuole del Trotter che proporranno pensieri e letture su Auschwitz.

Il Memoriale della Shoah propone:

una mostra che ripercorre gli anni di storia italiana dal 1938 al 1945 esponendo testi delle leggi persecutorie, diari personali, lettere, fotografie e pubblicazioni dell’epoca;

una serie di visite guidate all’unico luogo europeo che è stato teatro di deportazioni ed è rimasto intatto;

la performance teatrale Che non abbiano fine mai… di Eyal Lerner, dedicata alla storia e alla cultura ebraiche, con particolare attenzione al tema della Shoah;

un incontro con Liliana Segre organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio e dalla Comunità ebraica milanese;

un evento dedicato a medicina e Shoah, che spazia dalle politiche razziste dell’800 alla bioetica;

la presentazione del romanzo Un amore ad Auschwitz. Edek e Mala: una storia vera di Francesca Paci, che dà voce a Edek e Mala, un giovane prigioniero politico polacco e una ragazza ebrea bella e vitale che s’innamorano nel campo di sterminio di Auschwitz. Una storia d’amore, ma anche di lotta, solidarietà e speranza.

Al Parco Nord sono in programma visite guidate ai Bunker Breda, i rifugi antiaerei che riportano all’epoca dei bombardamenti e poi a quella del grande sviluppo industriale.

Il Conservatorio di Milano ospita il tradizionale concerto della memoria: il Coro “V. Delman” del Conservatorio di Milano, diretto da Davide Gualtieri, accompagna il baritono Omar Mancini.

Celebra la giornata con un concerto anche il Teatro Oscar, dove suona l’Orchestra a plettro di mandolini e chitarre “Città di Milano” con la violinista Alyona Afonickina.

Giornata della Memoria all’insegna del cinema al Mic e da Area Metropolis 2.0, che propongono mini-rassegne ad hoc con film e documentari dedicati all’Olocausto, ma anche alla Casa della Memoria, dove verranno proiettati filmati sulle deportazioni selezionati dall’Aned, e al Cinema Teatro Rondinella di Sesto San Giovanni, dove tornerà il classico Il grande dittatore di Charlie Chaplin.

A Palazzo Reale per l’occasione si tiene un incontro dedicato ai luoghi della memoria milanesi.

A Villa Clerici optano per la performance teatrale Lettere d’artista dal diario di Gusen: i testi di Aldo Carpi vengono interpretati da Martina Carpi, accompagnati da musiche di Fiorenzo Carpi eseguite da Marco Moyana.

Allo Spazio Mil di Sesto San Giovanni va invece in scena lo spettacolo di teatro-danza La fabbrica della memoria, che racconta gli anni della nascita e dello sviluppo industriale, le lotte operaie e gli scioperi del ’43-’44 fino alla Liberazione.

Il ricordo della Shoah sale sul palcoscenico anche al Teatro della Cooperativa, dove va in scena I me ciamava per nome: 44.787, dedicato all’orrore – ancora sconosciuto a molti – della Risiera di San Sabba a Trieste, unico lager nazista in Italia munito di forno crematorio (da tremila a cinquemila le vittime).

Al Teatro Libero sono protagonisti Alessandro Lussiana e Valeria Perdonò con lo spettacolo Testastorta, tratto dall’omonimo romanzo di di Nava Semel.

Al Franco Parenti c’è l’incontro “Shoah tra memoria e attualità”: con interventi mirati e letture di testi in cui già Primo Levi innescava riflessioni sull’attualità in divenire, Moreno Gentili mira a rispondere con argomenti specifici al buio di una violenza che non ha mai smesso di rimanere sullo sfondo della vita civile in buona parte del mondo.

Al Parco delle Groane c’è invece un incontro con Gad Lerner, preceduto da messaggi, testimonianze, letture e riflessioni sul tema della pace e seguito dalla rappresentazione teatrale Là, dove il cielo ha toccato la terra, alti s’ergono i muri degli studenti dell’Istituto Comprensivo di Barlassina, incentrato sul dramma palestinese. (Repubblica.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.