Regione Lombardia lancia un nuovo progetto orientamento

Lombardia

Milano 11 Gennaio – “Siamo lieti di aver partecipato alla sperimentazione del progetto che consente la valutazione degli istituti tecnici e professionali in termini occupazionali. Si tratta di un ottimo strumento per l’orientamento dei ragazzi e delle famiglie per scegliere la scuola“. Così l’assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea, intervenuta, a Torino, alla presentazione del progetto ‘Eduscopio lavoro’ – www.eduscopiolavoro.it, realizzato dalla Fondazione Agnelli in collaborazione con il centro di ricerca Crisp dell’Università Bicocca di Milano.

Presenti alla conferenza stampa: John Elkann (vice presidente Fondazione Giovanni Agnelli), Marco Gilli (rettore Politecnico di Torino), Gianna Pentenero (assessore al Lavoro, Istruzione e Formazione professionale della Regione Piemonte), Mario Mezzanzanica (direttore Crisp-Università Bicocca di Milano) e Andrea Gavosto (direttore Fondazione Giovanni Agnelli.

Si tratta – ha continuato Aprea – di un ulteriore elemento di quel processo di accountability che in Regione Lombardia stiamo realizzando da diversi anni, in tutte le politiche regionali, a cominciare da quelle delle politiche attive del lavoro. Riteniamo che sia di estrema importanza avere dei dati che consentono di comparare l’offerta dei servizi educativi con gli esiti in termini occupazionali. Condividiamo pertanto l’approccio metodologico e l’impianto di una simile analisi, che, rispetto alle altre, ha il grande vantaggio di essere facilmente consultabile dagli studenti e dalle famiglie, e con modalità interattive“.

Relativamente ai dati emersi – ha aggiunto l’assessore – possiamo ritenerci soddisfatti dei risultati degli istituti tecnici e professionali lombardi, scelti, nell’anno scolastico 2015/16, da oltre 49.000 giovani su un totale di oltre 88.000. Resta tuttavia la necessità di accrescere il livello qualitativo di tutti gli istituti in un’ottica di sistema, finalizzata sempre più all’aumento dell’occupazione dei giovani. In questo senso registriamo positivamente il fatto che gli istituti che hanno ottenuto i migliori risultati siano quelli che hanno utilizzato le politiche regionali per realizzare l’integrazione fra scuola e lavoro. Tra queste, ad esempio, l’appartenenza ai 56 Poli tecnico-professionali, l’adesione al programma Fixo di Regione e del Ministero del Lavoro, con l’attivazione di uffici di placement, l’adesione alle opportunità del progetto regionale di ‘Garanzia Giovani’ e alla consolidata progettualità dell’alternanza scuola lavoro, ma anche attraverso la promozione del conseguimento del titolo in apprendistato secondo la Legge regionale 30/2015, che ha costruito il sistema duale lombardo“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.