Save the Children: “In Italia il 40% delle scuole non dispone di un servizio mensa”

Approfondimenti

Milano 29 Ottobre – In Italia la mensa non è presente in tutte le scuole del territorio. Come evidenzia l’ultimo rapporto di Save the Children “(Non)Tutti a mensa!”, ne è sprovvisto il 40% degli istituti principali, percentuale che sale in Puglia (53%), Campania (51%) e Sicilia (49%), mentre al Nord la mensa manca in un terzo delle scuole. Ma anche laddove c’è, il servizio presenta grandi differenze sia per ciò che riguarda i criteri di accesso sia per la qualità.

Esenzioni e rette agevolate – Il report prende in esame le mense delle scuole primarie nei 45 comuni capoluogo di provincia con più di 100mila abitanti. In più della metà dei comuni monitorati, l’accesso a rette agevolate e a riduzioni è limitato ai soli residenti. In sei comuni non è prevista esenzione dal pagamento neanche per le famiglie più povere e otto comuni escludono il bambino dal servizio in caso di insolvenza dei genitori. Per quanto riguarda la qualità delle mense, nel 90% dei casi il servizio è affidato a ditte esterne di ristorazione e per il 65% è effettuato esclusivamente con pasti trasportati da cucine esterne.

Le tariffe – Nel dettaglio, le tariffe applicate nei 45 comuni monitorati variano notevolmente, con rette minime che vanno dagli 0,35 euro al giorno di Salerno ai 5,5 di Bergamo e tariffe massime che vanno dai 2,3 euro di Catania ai 7,7 euro di Ferrara; 15 i comuni che superano la soglia di 5 euro per pasto, con Palermo che, nonostante abbia un basso costo della vita e uno dei tassi di disoccupazione più alti d’Italia, ha una tariffa di 6 euro a pasto.

Le riduzioni variano a seconda del Comune – Tariffe ridotte sono previste in tutti i comuni ma variano, da territorio a territorio, i criteri di accesso al beneficio: se infatti tutti prevedono riduzioni in base al valore Isee della famiglia, il 66% prevede particolari riduzioni per nuclei familiari numerosi e il 25% garantisce la riduzione delle tariffe in casi di disoccupazione o cambiamenti della situazione economica della famiglia.

Genitori morosi – Per quanto riguarda le prassi adottate in caso di genitori morosi nei pagamenti, 37 comuni su 45 affermano di non escludere il bambino dal servizio, mentre nei comuni di Brescia, Foggia, Modena, Novara, Palermo, Sassari, Salerno e Taranto in caso di morosità il bambino viene escluso dalla mensa.

Le prassi virtuose – In base al confronto dei principali dati emergono le migliori e peggiori prassi. In particolare i comuni di Cagliari, Forlì e Genova si segnalano per l’applicazione di agevolazioni per le categorie più svantaggiate, come ad esempio minori in affido temporaneo; Bari e Novara per la previsione di misure mirate al sostegno delle famiglie colpite dalla crisi economica, quale la perdita di lavoro; Bologna, Firenze, Milano, Livorno, Taranto applicano criteri flessibili e passibili di modifica nel corso dell’anno per ciò che riguarda le tariffe.

E quelle negative – Prassi invece particolarmente negative si rilevano a Brescia, che si distingue per le tariffe tra le più alte, per i criteri molto restrittivi delle esenzioni e per l’esclusione dei figli di genitori morosi; a Salerno che, pur non avendo tariffe particolarmente elevate, non prevede nessuna forma di esenzione per le famiglie disagiate ed esclude i figli di genitori morosi; Bergamo, che ha tariffe molto alte per le famiglie con redditi bassi e prevede l’esenzione dal pagamento solo su richiesta diretta dei servizi sociali. (Tg.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.