Clinicamente morta Roberta Orizio, colta da malore in discoteca dopo la convention “Forza Futuro”

Lombardia

Milano 29 Settembre – E’ clinicamente morta Roberta Orizio, la 26enne bresciana che sabato notte è rimasta vittima di un attacco d’asma mentre si trovava in una discoteca a Desenzano del Garda. L’encefalogramma al quale è stata sottoposta ieri mattina agli Spedali civili di Brescia dove era ricoverata nel reparto di rianimazione, non ha evidenziato segni di vita.

– Roberta Orizio, 28enne residente a Cazzago San Martino, nel bresciano, sabato notte intorno alle 2 ha accusato un malore alla discoteca Art di Desenzano del Garda. La giovane, militante di Forza Italia, aveva partecipato alla convention “Forza Futuro” del partito e la sera aveva deciso di festeggiare con alcuni amici nel locale dove c’erano anche il giornalista Alessandro Cecchi Paone, il governatore della Liguria Giovanni Toti e l’assessore lombardo Fabrizio Sala. A un certo punto, probabilmente per un attacco d’asma, la ragazza è svenuta a terra e sono arrivati subito in pista i soccorsi che si trovano sul posto. Con un defibrillatore hanno fatto riprendere il suo cuore, ma era priva di coscienza e sembrava avesse avuto un’emorragia cerebrale. In pochi minuti è arrivata anche un’ambulanza che ha intubato la giovane con il respiro in affanno e poi condotta in Rianimazione all’ospedale gardesano.
Ma le condizioni sono peggiorate e parse molto gravi, così la 28enne è stata trasferita in terapia intensiva al Civile di Brescia dove è stata alimentata dalle macchine in uno stato di coma. Subito dopo il malore, la musica in sala è stata spenta e i balli si sono fermati per prestare soccorso alla giovane. Sul posto sono giunti i carabinieri di Desenzano per capire cosa fosse successo e le eventuali responsabilità. E’ stato escluso che avesse assunto droga e nemmeno alcol, visto che la tessera dei drink bevuti era vuota. Probabile, quindi, un forte attacco d’asma, sindrome confermata anche dagli amici che hanno spiegato come la ragazza avesse inalato lo spray quando si era accorta di star male. (QuiBrescia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.