Bufera sulla Volkswagen: test antismog truccati e crollo in borsa

Esteri

Milano 22 Settembre – Il governo tedesco chiede sia fatta chiarezza sullo scandalo che ha travolto Volkswagen dopo che il Ceo Martin Winterkorn ha ammesso l’uso intenzionale dei software progettati per aggirare le leggi antismog in vigore negli Usa. Sono 500mila le vetture con motore diesel ritirate a causa dei test sulle emissioni “truccati”. In Borsa a Francoforte il titolo è crollato, chiudendo la peggiore seduta degli ultimi 7 anni con un tonfo del 18,06%.winterkorn-volkswagen

In poco più di due ore di scambi, il colosso tedesco aveva bruciato 16 miliardi di valore, scendendo a 60,4 miliardi di euro. Ora il gruppo VW rischia sanzioni per 18 miliardi di dollari ma intanto ha deciso di bloccare la vendita negli Stati Uniti delle sue vetture equipaggiate con motori diesel 4 cilindri TDI.

Il software che falsifica le emissioni – Lo scandalo è scoppiato quando l’Epa, l’ente americano per la protezione dell’ambiente, ha scoperto che le vetture Volkswagen e Audi con motore diesel 2 litri emettono molti più ossidi di azoto in condizioni normali che non durante i test specifici. E’ stato quindi scoperto il software, installato appositamente da VW nella centralina motore, che riconosce le condizioni di test e attiva solo in quel caso i dispositivi più efficienti contro le emissioni.

Aperta un’inchiesta negli Usa – Secondo l’agenzia Bloomberg, Volkswagen sarebbe al centro di un’indagine penale negli Stati Uniti per lo violazione delle norme anti smog. L’inchiesta riguarderebbe l’ammissione delle violazioni da parte di Volkswagen.

Ministero del’Ambiente tedesco: “Gruppo chiarisca” – Intanto un portavoce del ministero dell’Ambiente tedesco, come riferito da Bloomberg, ha dichiarato che Volkswagen “deve collaborare con le autorità Usa e chiarire la vicenda sulla manipolazione dei test antismog”.

Gabriel: “Chiarire vicenda al più presto” – Anche il vicecancelliere tedesco e ministro dell’Economia Sigmar Gabriel ha chiesto chiarezza. “Il made in Germany è sinonimo di qualità a livello mondiale ed è importante fare subito chiarezza”, ha sottolineato. (Tgcom 24)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.