Da Vinci il Cavallo di Leonardo in mostra per sei mesi in piazza Città di Lombardia

Cultura e spettacolo

Milano 18 Agosto – Ingegnere, architetto, pittore e scultore, Leonardo oggi torna a splendere in tutto il suo monumentale genio grazie alle molteplici iniziative dell’assessore alle Culture di Regione Lombardia. Una su tutte:a metà settembre arriva finalmente uno dei tre monumentali Cavalli che il genio da Vinci progettò e non compì, realizzati in epoca moderna grazie al sogno di un americano. Un destriero si trova in America, uno a Milano all’Ippodromo, e un altro a Vinci, da dove traslocherà per trasferirsi in piazza Città di Lombardia per sei mesi.

Cristina CappelliniAl suo posto l’opera dell’artista milanese Giuliano Grittini. Felice, di avercela fatta ancora una volta, l’assessore Cristina Cappellini: «Doveva arrivare molto prima ma abbiamo avuto un po’ di lungaggini burocratiche». Il Cavallo gemello ma più piccolo di quello dell’Ippodromo sarà presentato con un’ambientazione speciale. «Sarà anche un post Expo – dice la Cappellini – così evitiamo che dopo il 31 ottobre cali l’attenzione e si svuotino i territori. Nei prossimi tre anni investiremo molto sulla figura di Leonardo, ma già Expo è stata una grande occasione per fare tante cose che altrimenti non sarebbero state fatte».

Il simbolo culturale dell’Esposizione si lega ad altre iniziative come l’hub Leonardo realizzato alle Stelline che secondo l’assessore «è diventato ormai un polo culturale a tutti gli effetti con il padiglione fuori da Santa Maria delle grazie e gli allestimenti interni che rimandano all’opera del genio su tutto il territorio lombardo». Insomma una fotografia di tutta l’opera leonardesca in Lombardia, quella scattata dalla Regione, che ora si arricchisce di un nuovo, fondamentale tassello. (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.