Seven Stars Galleria: è a Milano l’unico hotel 7 stelle “certificato” del mondo

Milano

Milano 6 Agosto – Guerra di stelle: fin da quando è stato ultimato, sedici anni fa, l’iconico Burj Al Arab, il lussuoso hotel di Dubai a forma di vela, si è vantato del titolo di primo 7 stelle al mondo. Tuttavia, rivela ora la rivista statunitense Forbes, l’unico 7 stelle «certificato» del pianeta è un altro: si trova nel centro di Milano, a pochi passi dal Duomo.

La certificazione

TownHouseGalleria-AwardSi tratta del Seven Stars Galleria, all’interno della Galleria Vittorio Emanuele II. L’hotel, inaugurato nel 2007 e disegnato dall’architetto Ettore Mocchetti, è l’unico al mondo a potersi realmente fregiare del titolo di sette stelle, sottolinea Forbes. La struttura meneghina, infatti, è la prima (e finora anche la sola) ad aver ricevuto l’ambita certificazione ufficiale di Sgs, un organismo internazionale con sede a Ginevra. Una certificazione che è stata più volte richiesta anche dal Burj Al Arab, oltre che da lussuose strutture in Cina, Indonesia, Shanghai. La certificazione ufficiale, racconta il fondatore del Seven Stars, Alessandro Rosso, prevede la verifica puntuale delle caratteristiche per mantenere la qualifica di 7 stelle anche con l’invio di «clienti misteriosi», ossia ispettori in incognito. «L’hotel deve essere collocato all’interno di una struttura iconica di grande valore per la città. Non può essere solo un bel palazzo. Inoltre, un hotel a sette stelle deve avere più suite che camere – in un hotel a cinque stelle, di solito, è il contrario», spiega Rosso. Dalla porta d’ingresso di via Silvio Pellico sono già passati numerosi ospiti illustri, tra cui presidenti ed emiri. L’hotel offre solamente sette suite. Quella «reale», su 580 metri quadri, costa 15.000 euro a notte e offre un servizio di maggiordomo in tight e guanti bianchi (che si prenderà cura delle esigenze di shopping e di concierge dell’ospite), e uno chef personale. Il Burj Al Arab, invece, conta 202 camere: la più grande (780 metri quadri) costa circa 9.000 euro. (Corriere)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.