Il mondiale di scherma russo finisce col trionfo dell’Italia : doppio oro nel fioretto a squadre

Sport
Milano 20 Luglio – Si conclude in maniera trionfale la spedizione italiana ai Mondiali di scherma. All’Olimpiyskiy di Mosca suona due volte l’inno di Mameli: sia gli uomini che le donne vincono l’oro nella prova a squadre del fioretto battendo entrambe la Russia in finale. Per le azzurre (Di Francisca, Errigo, Batini e Vezzali) è il terzo titolo iridato consecutivo dopo l’oro olimpico, i ragazzi (Garozzo, Baldini, Avola e Cassarà) tornano invece campioni dopo due anni.
E’ stata una cavalcata trionfale e quasi perfetta quella del Dream Team azzurro, che demolisce prima il Giappone nei quarti (45-25) e poi l’Ungheria in semifinale (45-18). Anche in finale contro la fortissima squadra russa, padrona di casa e reduce dalla doppietta nell’individuale grazie a Deriglazova e Shanaeva, le azzurre sono fantastiche: un po’ di sofferenza in apertura, poi l’olimpionica Di Francisca piazza il primo break (20-14), bissato due assalti più tardi da un’ottima Batini (30-21). A questo punto le ragazze controllano e con Arianna Errigo, bronzo nell’individuale, piazzano la stoccata vincente.La ciliegina sulla torta la mettono i ragazzi, anche loro campioni olimpici in carica ma costretti ad accontentarsi del bronzo lo scorso anno ai Mondiali di Kazan. Volevano tornare subito sul gradino più alto del podio e ci sono riusciti con una giornata da incorniciare: nei quarti battuti gli Usa 45-27, poi semifinale capolavoro con i forti francesi stesi 45-25, infine il 45-38 rifilato ai padroni di casa. Una Russia che fino all’ultimo resta aggrappata agli azzurri, li scavalca sul 29-30, ma poi deve alzare bandiera bianca. L’Italia chiude seconda nel medagliere, con lo stesso numero di ori della Russia (4), ma senza argenti e un bronzo.(Sport Mediaset)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.